Welcome at SGB CISL Schule Scuola! Your currently used browser is outdated, probably insecure, and may cause display errors on this website. Here you can download the most recent browsers: browsehappy.

News 15/11/21

IT BONUS

 

INTEGRAZIONE DOMANDE

L’ufficio finanziamento ha comunicato che:

  • coloro che hanno presentato documentazione incompleta ai fini del rimborso verranno contattati via email dall’amministrazione, che li inviterà a integrare la domanda con la documentazione mancante

 

  Dati al 17.11.21

Pervenute complessivamente 9.414 domande, di cui:

– intendenza italiana: 1.880

– intendenza tedesca: 7.221

– intendenza ladina: 313

 

 

 

Beneficiari:

  • personale scuole dell’infanzia provinciali
  • personale docente ed educativo delle scuole primarie e secondarie
  • personale docente delle scuole professionali provinciali, della formazione professionale agricola, forestale e di economia domestica
  • personale docente delle scuole di musica
  • collaboratrici e collaboratori all’integrazione e alle educatrici e agli educatori sociali delle scuole
  • personale cessato dal servizio
  • personale che tra il 05.03.20 e il 15.11.21 ha avuto un lungo periodo di malattia

 in servizio per almeno tre mesi a decorrere dal 5 marzo 2020 fino al 15 novembre 2021.

  Per “servizio” si intende:

  • lo svolgimento di attività didattica
  • nel caso delle collaboratrici e dei collaboratori all’integrazione, di attività di supporto
  • periodo coperto da malattia
  • astensione obbligatoria

 

09.11.21 Documentazione comprovante l’avvenuta spesa: nuove opzioni 

  • pagamento con conto co-intestato: dà accesso al bonus la presentazione di pagamento attravero conto co-intestato PURCHÈ la fattura/ricevuta su cui compaiono i beni acquistati sia chiaramente riconducibile al richiedente
  • pagamento in contanti: dà accesso al bonus:

⇒  lo scontrino “parlante” (intestato al richiedente)

⇒  la presentazione di scontrino fiscale non intestato al richiedente, se questi può produrre comprova di prelevamento dal proprio conto corrente ai fini dell’acquisto del bene per cui chiede il rimborso

 

03.11.21  Domanda di rimborso:

  • la domanda di rimborso delle spese va presentata entro il 16 novembre 2021 tramite il servizio online attraverso  il link Domanda BONUS IT   attivo a partire da venerdì 5 novembre 2021 (vedasi però ECCEZIONE PER ALCUNE CATEGORIE di seguito indicate)
  • il rimborso viene concesso su domanda dell’avente diritto
  • ogni avente diritto può presentare una sola domanda di rimborso

 

  ECCEZIONE: Gli aventi diritto che non possono accedere al suddetto servizio online (personale cessato per pensione o comunque non più in servizio e con account Lasis non più attivo), possono presentare la domanda sulla base del modello messo a disposizione in settimana dall’Intendenza Scolastica e scaricabile nell’area donwload di questa pagina.

La domanda va:

  • firmata
  • corredata di:

⇒ copia di documento di riconoscimento

⇒ documentazione (riconducibile al richiedente) che attesta il pagamento

 

La domanda va corredata dalla documentazione comprovante l’avvenuta spesa quale ad esempio:

⇒ fattura di acquisto della dotazione IT, riportante il tipo, la qualità e la quantità dei beni acquistati o documento equivalente (scontrino fiscale, ricevuta fiscale)

⇒ ricevuta del bonifico;

⇒ ricevuta di avvenuta transazione (per i pagamenti con carta di credito o di debito)

⇒ documentazione di addebito sul conto corrente

⇒ per i pagamenti rateali viene rimborsato l’importo pagato dal richiedente fino del 16 novembre 2021. Vanno allegati i documenti che comprovino l’avvenuta spesa da parte del beneficiario

  • la fattura deve essere intestata al docente beneficiario. Va allegata anche o la ricevuta del bonifico, o la ricevuta di transazione della carta di credito e debito , o la documentazione di addebito sul conto corrente, in modo da dimostrare il pagamento da parte del richiedente.
  • dalla documentazione di spesa deve essere riconoscibile la tipologia di dotazione IT acquistata.
  • se sulla stessa documentazione sono indicate anche altre attrezzature, si prenderanno in considerazione solo gli importi relativi agli articoli ammessi al rimborso
  • la concessione dei rimborsi nonché il relativo impegno di spesa sono approvati con decreto del direttore/della direttrice d’ufficio competente e del direttore/della direttrice di ripartizione competente.

 

Non sono considerate le domande:

  • successive alla prima, presentata dalla stessa persona avente diritto
  • non documentate con una delle modalità sopra indicate
  • che riguardano un rimborso di spese complessive di importo inferiore a 50,00 euro

 

  Liquidazione: la liquidazione del rimborso avviene in un’unica soluzione dopo la sua approvazione. Il pagamento del rimborso avrà luogo con il cedolino degli stipendi nei primi mesi dell’anno 2022.

 

 

Riferimenti normativi:

03.11.21 Delibera n.939  Criteri e modalità per il rimborso una tantum delle spese per dotazioni informatiche al personale delle scuole

  Beneficiari:

  • personale scuole dell’infanzia provinciali
  • personale docente ed educativo delle scuole primarie e secondarie
  • personale docente delle scuole professionali provinciali, della formazione professionale agricola, forestale e di economia domestica
  • personale docente delle scuole di musica
  • collaboratrici e collaboratori all’integrazione e alle educatrici e agli educatori sociali delle scuole
  • personale cessato dal servizio

 in servizio per almeno tre mesi a decorrere dal 5 marzo 2020 fino al 15 novembre 2021.

Per “servizio” si intende lo svolgimento di attività didattica o, nel caso delle collaboratrici e dei collaboratori all’integrazione, di attività di supporto.

 

  Obiettivo e somma rimborsata: rimborso delle spese documentate e anticipate per far fronte alle esigenze della digitalizzazione della scuola in generale e della didattica a distanza in particolare, tramite l’acquisto di dotazioni informatiche (IT) funzionali allo svolgimento dell’attività didattica.

Il rimborso spettante al singolo/alla singola dipendente corrisponde alla quota dei costi documentati che lo stesso/la stessa ha anticipato e sostenuto nell’interesse esclusivo del datore di lavoro per un utilizzo per finalità strettamente istituzionali delle dotazioni informatiche. Il rimborso una tantum spettante ai singoli dipendenti non può superare l’importo massimo di 520 euro.

 

  Criteri di priorità nella concessione dei rimborsi: nel caso in cui i mezzi non fossero sufficienti per evadere tutte le domande, viene stilata una graduatoria unica di tutte le persone in possesso dei requisiti per il rimborso. Per la formazione della graduatoria si considerano i requisiti posseduti dal personale al momento della presentazione della domanda di rimborso.

Si applicano i seguenti criteri di priorità:

a) personale con contratto di lavoro a tempo indeterminato e personale con contratto di lavoro a tempo determinato in possesso dell’idoneità o dell’abilitazione all’insegnamento, in servizio o cessato dal servizio

b) personale con contratto di lavoro a tempo determinato, in servizio o cessato dal servizio

  Esaurimento del contingente (6 milioni di euro)

“Se non è possibile soddisfare tutte le domande, l’ammontare del rimborso viene decurtato pro quota fino alla capienza.”

Significa che:

  • vengono soddisfatti in primis al 100% (fino a un massimo di 520€) i richiedenti rientranti nella lettera a) del comma 2 [personale con contratto di lavoro a tempo indeterminato e personale con contratto di lavoro a tempo determinato in possesso dell’idoneità o dell’abilitazione all’insegnamento, in servizio o cessato dal servizio]
  • se i fondi sono sufficienti a coprire al 100% (fino a un massimo di 520€) le richieste di una sola parte dei richiedenti rientranti nella lettera a), la somma restante viene ripartita esclusivamente tra i restanti richiedenti alla lettera a). Il massimale a disposizione di costoro viene ricalcolato con conseguente decurtazione dell’ammontare della quota pro richiedente. Si procede in tal  modo fino all’esaurimento dei 6 milioni e non accedono al rimborso i richiedenti alla lettera b)
  • se i fondi sono sufficienti a coprire al 100% (fino a un massimo di 520€) le richieste di tutti i richiedenti rientranti nella lettera a), la somma restante viene ripartita tra richiedenti alla lettera b) [personale con contratto di lavoro a tempo determinato, in servizio o cessato dal servizio]. Il massimale a disposizione di costoro viene ricalcolato con conseguente decurtazione dell’ammontare della quota pro richiedente.

 

  Spese ammissibili:

  • è previsto esclusivamente il rimborso delle spese documentate effettuate dal personale delle scuole per l’acquisto di dotazioni informatiche (IT)
  • vengono rimborsate le spese effettuate dal personale delle scuole per l’acquisto di dotazioni informatiche funzionali allo svolgimento dell’attività didattica e amministrativa nel periodo di sospensione delle attività educative e didattiche in presenza nelle scuole dell’infanzia e nelle scuole di ogni ordine e grado a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Il rimborso si riferisce a spese effettuate a decorrere dal 5 marzo 2020 e non oltre il 15 novembre 2021 nel periodo dello stato di emergenza nazionale.
  • l’importo totale può essere composto dalla somma di più fatture, emesse da fonti differenti (sia nazionali che estere), anche di date diverse (comunque non antecedenti al 5 marzo 2020). Nelle fatture devono essere chiaramente indicate le singole voci relative all’hardware e/o al software acquistato. Qualora nelle fatture siano indicate anche altre voci, verranno conteggiati solo gli importi delle voci autorizzate.

 

  Oggetto del rimborso:

Hardware:

  • Personal Computer, sia come postazione fissa che come attrezzatura portatile (notebook, laptop), escluse le console di gioco
  • tablet o dispositivi convertibili
  • smartphone
  • qualsiasi tipo di periferica collegabile a PC, notebook e tablet: monitor, stampanti, scanner, apparecchi multifunzione, docking stations
  • periferiche per l’input dati e output: mouse, tastiere, webcams, microfoni, cuffie o headsets, altoparlanti
  • supporti di archiviazione, espansioni di memoria, dischi rigidi interni o esterni, schede di espansione interne o esterne
  • dispositivi di rete come switch, access point, router per connessioni a banda larga (mobili e cablate)

Software:

Ogni tipo di software standard per uso didattico:

  • pacchetti Office
  • elaborazioni video, grafica e manipolazione audio
  • produzioni multimediali nonché qualsiasi tipo di software didattico

  Sono esclusi tutti i software utilizzati dalla persona richiedente a scopi commerciali e professionali al di fuori dell’ambito scolastico (p.e. programmi per la gestione contabile e sistemi CAD/CAM non educational, ecc.)

 

Controlli e sanzioni:

  • l’ufficio provinciale competente effettua controlli a campione su almeno il 6 per cento delle domande approvate. Svolge inoltre controlli in tutti i casi in cui lo ritiene opportuno.
  • l’individuazione delle domande da sottoporre al controllo a campione avviene mediante sorteggio dall’elenco delle domande approvate
  • il controllo è finalizzato ad accertare che le persone beneficiarie non abbiano presentato dichiarazioni o documenti falsi o non veritieri, o omesso di fornire informazioni dovute
  • l’ufficio provinciale competente avvia il procedimento di controllo comunicando alle persone beneficiarie i termini entro i quali saranno sottoposte al controllo. Con tale comunicazione le persone beneficiarie saranno anche invitate a produrre la documentazione necessaria ai fini del controllo
  • fermo restando quanto disposto dalle vigenti norme di legge in caso di indebita percezione di vantaggi economici, la violazione accertata delle disposizioni di cui ai presenti criteri comporta la revoca del rimborso e l’obbligo di restituire il relativo importo, maggiorato degli interessi legali decorrenti dalla data della sua erogazione. L’intero procedimento di controllo deve concludersi entro 180 giorni dal suo avvio.

 

 

21.10.21 Modifica della legge provinciale 19 agosto 2021, n. 9, “Disposizioni collegate all’assestamento del bilancio di previsione della Provincia autonoma di Bolzano per l’anno finanziario 2021 e per il triennio 2021-2023 – Variazioni al bilancio di previsione della Provincia autonoma di Bolzano 2021-2023

ART. 6 (area download)

1. Al fine di mettere il personale delle scuole in grado di affrontare l’esigenza della digitalizzazione della scuola in generale e la didattica a distanza in particolare, tramite l’acquisto di dotazioni IT funzionali allo svolgimento dell’attività didattica che costituisce l’interesse esclusivo del datore di lavoro, la Giunta provinciale è autorizzata a concedere un rimborso di spese documentate e anticipate dal personale dipendente. In considerazione del monte ore per le attività aggiuntive all’attività formativa rispettivamente per l’orario funzionale all’insegnamento, del prezzo d’acquisto della dotazione IT e della durata media di vita di attrezzature informatiche espressa in ore di lavoro, nonché sulla base della documentazione inoltrata viene determinato il rimborso spettante al singolo dipendente/alla singola dipendente, che non può superare la misura massima di 520,00 euro. I criteri e le modalità dettagliate per la concessione del rimborso sono definiti dalla Giunta provinciale.

2. Il rimborso di cui al presente articolo si applica a:

  •  personale scuole dell’infanzia provinciali
  • personale docente ed educativo delle scuole primarie e secondarie
  • personale docente delle scuole professionali provinciali, della formazione professionale agricola, forestale e di economia domestica
  • personale docente delle scuole di musica
  • collaboratrici e collaboratori all’integrazione e alle educatrici e agli educatori sociali delle scuole

 in servizio per almeno tre mesi a decorrere dal 5 marzo 2020

indietro