Welcome at SGB CISL Schule Scuola! Your currently used browser is outdated, probably insecure, and may cause display errors on this website. Here you can download the most recent browsers: browsehappy.

News 26/01/22

Quarantena, isolamento e test diagnostici: definizioni, procedure, tempistiche – Gestione casi Covid-19/certificazioni: indicazioni operative MI e ASL

FAQs SITO MIUR IN COSTANTE AGGIORNAMENTO

 

 

 

   MASCHERINE: tipologie

  •  mascherina chirurgica (ossia quella a uso medico, certificata in base alla capacità di filtraggio, sviluppata per essere utilizzata in ambiente sanitario e che impedisce la trasmissione del virus)
  • mascherine di comunità (ossia quelle che hanno lo scopo di ridurre la circolazione del virus nella vita quotidiana e non sono soggette a particolari certificazioni. Non devono essere considerate né un dispositivo medico, né dispositivo di protezione individuale, ma una misura igienica utile a ridurre la diffusione del virus), quali mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso
 

05.01.22 PROGETTO “TEST RAPIDI NASALI”

Confermato con Ordinanza n.01 del 05.01.22, punto 24 lo screening volontario

Lo screening volontario di cui alle ordinanze presidenziali n. 30 del 3.09.2021 e n. 31 dell’1.10.2021, organizzato dall’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige nelle scuole di ogni ordine e grado del territorio provinciale, prosegue fino al 31 marzo 2022.

 

 

  GLOSSARIO:  30.12.21 da Aggiornamento sulle misure di quarantena e isolamento in seguito alla diffusione a livello globale della nuova variante VOC SARS-CoV-2 Omicron, Circolare n.60136 Ministero della Salute

 QUARANTENA: restrizione dei movimenti di persone sane per la durata del periodo di incubazione, ma che potrebbero essere state esposte ad un agente infettivo o ad una malattia contagiosa, con l’obiettivo di monitorare l’eventuale comparsa di sintomi e identificare tempestivamente nuovi casi

ISOLAMENTO: nei casi di documentata infezione da SARS-CoV-2 si riferisce alla separazione delle persone infette dal resto della comunità per la durata del periodo di contagiosità, in ambiente e condizioni tali da prevenire la trasmissione dell’infezione

AUTO-SORVEGLIANZA (30.12.21 Circ. 60136 Ministero della Salute): il regime precauzionale che prevede per i soggetti asintomatici, contatti stretti di un positivo (c.d. alto rischio) l’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per almeno 10 giorni dall’ultima esposizione al caso

 

    25.01.22   Nuovo Protocollo provinciale di sicurezza per le scuole (in attesa di definizione e contestuale ordinanza)
  • scuola primaria:

fino a 4 studenti positivi: attività in presenza per chi è vaccinato o guarito o partecipa allo screening

5 studenti positivi: didattica a distanza per tutta la classe

  • scuola secondaria:

– fino al 50% di studenti positivi all’interno di una classe: prosegue la didattica in presenza per tutti coloro che sono vaccinati, guariti o partecipano allo screening

 

 

  07.01.22 DL 1/22, art. 4 Gestione dei casi di positivita’ all’infezione da SARS-CoV-2 nel sistema educativo, scolastico e formativo; 08.01.22 Nota n.11 MI Nuove modalità di gestione dei casi di positività all’infezione da SARS-CoV-2 in ambito scolastico 
  Scuola primaria
  1 caso di positività:
Per gli allievi frequentanti la stessa classe del caso positivo si prevede:
attività didattica in presenza. Si raccomanda di consumare il pasto ad una distanza interpersonale di almeno 2 metri;
misura sanitaria: sorveglianza con test antigenico rapido o molecolare
– da svolgersi prima possibile dal momento in cui si è stati informati del caso di positività (c.d. T0)
– da ripetersi dopo cinque giorni (c.d. T5)
In merito all’esito dei tamponi si precisa che:
T0:
  se il risultato del tampone T0 è negativo si può rientrare a scuola
  se il risultato del tampone T0 è positivo, è necessario informare il Dip. di Prev. (DdP) e il Medico di Med. Gen. (MMG)/Pediatra di libera scelta (PLS) e non si rientra a scuola
T5:
    se il risultato è positivo è necessario informare il DdP e il MMG/PLS e non recarsi a scuola
In caso di tampone con esito positivo il referente scolastico COVID-19/dirigente scolastico sarà informato secondo la procedura adottata localmente per i casi positivi occorsi tra gli
studenti e gli operatori scolastici.
  Personale (della scuola ed esterno) che ha svolto attività in presenza nella classe del caso positivo per almeno 4 ore, anche non continuative, nelle 48 ore precedenti l’insorgenza del caso: si applica la misura sanitaria dell’auto-sorveglianza (vale a dire: obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per almeno 10 giorni dall’ultima esposizione al caso).
Viene raccomandato a tale personale posto in auto-sorveglianza di effettuare comunque i test diagnostici T0 e T5.
 almeno 2 casi positivi:
Per gli allievi frequentanti la stessa classe del caso positivo si prevede:
attività didattica sospesa e avvio della DAD  per la durata di dieci giorni
misura sanitaria: quarantena della durata di 10 giorni con test di uscita – tampone molecolare o antigenico – con risultato negativo
Personale (della scuola ed esterno) che ha svolto attività in presenza nella classe dei casi positivi per almeno 4 ore, anche non continuative, nelle 48 ore precedenti l’insorgenza del primo caso, si applica quanto previsto dalla Circolare n. 60136 del 30.12.21 del Ministero della Salute per i contatti stretti (ad ALTO RISCHIO):

  Soggetti:

non vaccinati, oppure

– che non abbiano completato il ciclo vaccinale primario (i.e. abbiano ricevuto una sola dose di vaccino delle due previste), oppure

– che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da meno di 14 giorni:

rimane inalterata l’attuale misura della quarantena prevista nella durata di 10 giorni dall’ultima esposizione al caso, al termine del quale periodo risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo;

  Soggetti asintomatici che:

– abbiano completato il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni, e che abbiano tuttora in corso di validità il green pass:

la quarantena ha durata di 5 giorni, purché al termine di tale periodo risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo;

 

  Scuola secondaria di primo e secondo grado

  DL 1/22, art.5: Misure urgenti per il tracciamento dei contagi da COVID-19 nella popolazione scolastica fino al 28 febbraio 2022, è prevista per la popolazione scolastica delle scuole secondarie di primo e secondo grado, in regime di auto-sorveglianza, la possibilità di effettuare gratuitamente i test antigenici rapidi (T5) sia presso le farmacie sia presso le strutture sanitarie autorizzate, a seguito della prescrizione medica di competenza del medico di medicina generale o del pediatra di libera scelta.

  05.01.22 Nota MI n.9, Fabbisogno di FFP2 nelle istituzioni scolastiche: il MI ha avviato la rilevazione per il fabbisogno di ciascuna Istituzione scolastica di dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2, da destinare, per il periodo di emergenza sanitaria sino al 31 marzo 2022, al personale preposto alle attività scolastiche e didattiche in presenza di bambini e alunni esonerati dall’obbligo di utilizzo delle mascherine. Per le scuole di Bolzanola richiesta viene avviata tramite intendenza.

Resta da verificare se la gratuità sarà prevista anche nel caso dell’auto-sorveglianza, per cui è previsto l’obbligo di impiego della FFP2 in classe. In ogni caso, il DVR in vigore già prevede che il datore di lavoro fornisca per la permanenza nelle aule mascherine chirurgiche/FFP2 (per casi in cui queste sono previste): ad oggi, dove c’è obbligo di impiego viene fornita gratuitamente la FFP2, quindi ciò dovrà accadere anche nei casi di auto-sorveglianza, in cui è fatto d’obbligo impiegare la FFP2.

 

  1 caso di positività:
Per gli allievi frequentanti la stessa classe del caso positivo si prevede:

attività didattica in presenza, con l’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per almeno 10 giorni (c.d. auto-sorveglianza). Viene raccomandato di non consumare pasti a scuola a meno che non possa essere mantenuta una distanza interpersonale di almeno due metri.

misura sanitaria: auto-sorveglianza

  Personale (della scuola ed esterno) che ha svolto attività in presenza nella classe del caso positivo per almeno 4 ore, anche non continuative, nelle 48 ore precedenti l’insorgenza del caso, si applica la misura sanitaria dell’auto-sorveglianza.

 

  2 casi positivi: le misure previste sono differenziate in funzione dello stato vaccinale:

per gli alunni che:

– non abbiano concluso il ciclo vaccinale primario, oppure

– abbiano concluso il ciclo vaccinale primario da più di centoventi giorni, oppure

– siano guariti da più di centoventi giorni e ai quali non sia stata somministrata la dose di richiamo si prevede:

attività didattica sospesa e avvio della didattica digitale integrata (DDI) per la durata di dieci giorni

misura sanitaria: quarantena della durata di 10 giorni con test di uscita – tampone molecolare o antigenico – con risultato negativo

  per gli alunni che:

– abbiano concluso il ciclo vaccinale primario, oppure

– siano guariti da meno di centoventi giorni e

– coloro ai quali sia stata successivamente somministrata la dose di richiamo

si prevede:

attività didattica in presenza con l’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per almeno 10 giorni. Viene raccomandato di non consumare pasti a scuola a meno che non possa essere mantenuta una distanza interpersonale di almeno due metri.

misura sanitaria: auto-sorveglianza.

 

Requisiti per poter frequentare in presenza, seppur in regime di auto-sorveglianza

L’istituzione scolastica, per effetto dell’intervento legislativo, è abilitata a prendere conoscenza dello stato vaccinale degli studenti in questo specifico caso. Ai sensi di quanto previsto dalla norma di legge, infatti, nell’ipotesi in cui si siano verificati due casi positivi nella classe, è consentito proseguire la didattica in presenza solamente “per coloro che diano dimostrazione di avere concluso il ciclo.”

Personale (della scuola ed esterno) che ha svolto attività in presenza nella classe dei casi positivi per almeno 4 ore, anche non continuative, nelle 48 ore precedenti l’insorgenza del primo caso, si applica quanto previsto dalla Circolare n. 60136 del 30.12.21 del Ministero della Salute per i contatti stretti (ad ALTO RISCHIO):

    Soggetti:

non vaccinati, oppure

– che non abbiano completato il ciclo vaccinale primario (i.e. abbiano ricevuto una sola dose di vaccino delle due previste), oppure

– che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da meno di 14 giorni:

rimane inalterata l’attuale misura della quarantena prevista nella durata di 10 giorni dall’ultima esposizione al caso, al termine del quale periodo risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo;

  Soggetti asintomatici che:

– abbiano completato il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni, e che abbiano tuttora in corso di validità il green pass:

la quarantena ha durata di 5 giorni, purché al termine di tale periodo risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo;

 

  almeno 3 casi positivi

Per gli allievi frequentanti la stessa classe del caso positivo si prevede:

attività didattica sospesa e avvio della DAD  per la durata di dieci giorni

misura sanitaria: si applica

– agli studenti, nonché

– al personale (della scuola ed esterno) che ha svolto attività in presenza nella classe dei casi positivi per almeno 4 ore, anche non continuative, nelle 48 ore precedenti l’insorgenza del primo caso

quanto previsto dalla Circolare n. 60136 del 30.12.21 del Ministero della Salute per i contatti stretti (ad ALTO RISCHIO):

  Soggetti:

non vaccinati, oppure

– che non abbiano completato il ciclo vaccinale primario (i.e. abbiano ricevuto una sola dose di vaccino delle due previste), oppure

– che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da meno di 14 giorni:

rimane inalterata l’attuale misura della quarantena prevista nella durata di 10 giorni dall’ultima esposizione al caso, al termine del quale periodo risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo;

  Soggetti asintomatici che:

– abbiano completato il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni, e che abbiano tuttora in corso di validità il green pass:

la quarantena ha durata di 5 giorni, purché al termine di tale periodo risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo;

 

 

  30.12.21 QUARANTENA e ISOLAMENTO

 

  30.12.21 Circolare n.60136 Ministero della Salute, Aggiornamento sulle misure di quarantena e isolamento in seguito alla diffusione a livello globale della nuova variante VOC SARS-CoV-2 Omicron

 

  La QUARANTENA viene applicata alle categorie e nelle modalità di seguito riportate:

 Contatti stretti (ad ALTO RISCHIO):


    Soggetti:

non vaccinati, oppure

– che non abbiano completato il ciclo vaccinale primario (i.e. abbiano ricevuto una sola dose di vaccino delle due previste), oppure

– che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da meno di 14 giorni:

rimane inalterata l’attuale misura della quarantena prevista nella durata di 10 giorni dall’ultima esposizione al caso, al termine del quale periodo risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo;

  Soggetti asintomatici che:

– abbiano completato il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni, e che abbiano tuttora in corso di validità il green pass:

la quarantena ha durata di 5 giorni, purché al termine di tale periodo risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo;

 

  NON è NECESSARIA LA QUARANTENA nei seguenti casi:

Contatti a BASSO RISCHIO, vale a dire:

⇒  una persona che ha avuto un contatto diretto (faccia a faccia) con un caso COVID-19, ad una distanza inferiore ai 2 metri e per meno di 15 minuti
⇒  una persona che si è trovata in un ambiente chiuso (ad esempio aula, sala riunioni, sala d’attesa dell’ospedale) o che ha viaggiato con un caso COVID-19 per meno di 15 minuti
⇒  tutti i passeggeri e l’equipaggio di un volo in cui era presente un caso COVID-19, ad eccezione dei passeggeri seduti entro due posti in qualsiasi direzione rispetto al caso COVID-19, dei compagni di viaggio e del personale addetto alla sezione dell’aereo/treno dove il caso indice era seduto che restano classificati contatti ad alto rischio

– qualora abbiano indossato sempre le mascherine chirurgiche o FFP2, non vanno in quarantena MA dovranno essere mantenute le comuni precauzioni igienico-sanitarie

– se non è stato possibile garantire l’uso della mascherina, tali contatti non vanno in quarantena MA dovranno sottostare a sorveglianza passiva

Soggetti asintomatici contatti stretti di soggetto positivo (c.d. ALTO RISCHIO) che:
– abbiano ricevuto la dose booster, oppure
– abbiano completato il ciclo vaccinale primario nei 120 giorni precedenti, oppure
– siano guariti da infezione da SARS-CoV-2 nei 120 giorni precedenti,

devono indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per almeno 10 giorni dall’ultima esposizione al caso (c.d. AUTO-SORVEGLIANZA)

  In caso di comparsa di sintomi:

– alla prima comparsa dei sintomi è prevista l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare per la rilevazione dell’antigene Sars-Cov-2 (c.d. T0)

– se i sintomi persistono al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto con soggetti confermati positivi al Covid 19 è prevista l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare per la rilevazione dell’antigene Sars-Cov-2 (c.d. T5)

 

  ISOLAMENTO:

  Può essere ridotto da 10 a 7 giorni per i soggetti contagiati, che:

– abbiano precedentemente ricevuto la dose booster, oppure

– abbiano completato il ciclo vaccinale da meno di 120 giorni

purché:

– i medesimi siano sempre stati asintomatici, oppure

– risultino asintomatici da almeno 3 giorni

e alla condizione che al termine di tale periodo, risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo.

 

QUARANTENA / ISOLAMENTO: RITENUTE / VISITE / SERVIZIO

Decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 (in Gazzetta Ufficiale – Serie generale – Edizione Straordinaria n. 70 del 17 marzo 2020), coordinato con la legge di conversione 24 aprile 2020, n. 27, art.87

  ritenute: “Il periodo trascorso in malattia o in quarantena con sorveglianza attiva, o in permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva, dai dipendenti delle amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, dovuta al COVID-19, è  equiparato al periodo di ricovero ospedaliero.”  Questo significa che non vengono applicate le ritenute previste per i primi 10 giorni del periodo di “malattia”.

  visite: da parte dell’amministrazione non è dovuto nessun controllo fiscale, in quanto non esistono uno stato di malattia e una prognosi da controllare né è necessaria la verifica del rispetto delle fasce di reperibilità dato che il lavoratore è obbligato a permanere per tutto il periodo al proprio domicilio, al fine di evitare, in caso di inosservanza dell’obbligo, pesanti conseguenze di natura penale.

servizio:  la quarantena e la permanenza domiciliare fiduciaria, se coperte da certificato medico, si configurano come “malattia” quindi non sussiste obbligo di erogare prestazioni lavorative.

 

Casi di astensione dal lavoro nel contesto di emergenza sanitaria da Covid-19 con indicazione dell’istituto contrattuale o normativo di riferimento: