Welcome at SGB CISL Schule Scuola! Your currently used browser is outdated, probably insecure, and may cause display errors on this website. Here you can download the most recent browsers: browsehappy.

20.10.22 Pubblicato il primo calendario (12 classi di concorso) della prova concorsuale

Le prove d’esame per le prime 12 classi di concorso si svolgeranno a partire dal 28 novembre 2022 secondo il calendario firmato dal Direttore Provinciale Scuole il 20.10.2022.

  Il calendario è visionabile nell’area download

Per le classi di concorso non presenti all’interno del calendario, gli esami si svolgeranno nel 2023.

 

10.10.22 Pubblicato il decreto con i nominativi dei docenti ammessi a sostenere la prova del concorso straordinario

  il decreto è visionabile e scaricabile nell’area download

 

   SGBCISL Schulescuola: CORSO DI PREPARAZIONE AL CONCORSO STRAORDINARIO

Si terrà nei pomeriggi del 07/10, del 21/10, del 28/10 e dell’11/11 presso la sede di Via Siemens 23, 4° piano, sala riunioni dalle 15:00 alle 18:15

  Invitiamo tutti gli interessati ad iscriversi inviando una e-mail di conferma entro il 5 ottobre p.v. indicando la classe di concorso per la quale si intende concorrere (ai fini di una più mirata strutturazione dell’incontro sulla prova d’esame).

  Per tutti gli iscritti alla SGBCISL Schulescuola il corso è gratuito,

  Per i non iscritti interessati il corso è aperto previo versamento del contributo spese di 80 euro al seguente IBAN: IT02C0825558161000301206893

  • in questo caso si chiede di allegare la ricevuta del bonifico alla mail di iscrizione indicando come causale “Contributo spese”

Chi fosse impossibilitato a partecipare in presenza può richiedere il link necessario al collegamento

Gli indirizzi e-mail di riferimento sono:

 

 

24.08.22 NUOVO CONCORSO STRAORDINARIO 2022

In data 24 agosto 2022 è stato pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione il bando di concorso straordinario per titoli ed esami 2022 per il reclutamento di personale docente delle scuole secondarie di I e II grado a carattere statale in lingua italiana della Provincia di Bolzano.

La domanda di ammissione al concorso deve pervenire entro il 23 settembre 2022 alle ore 24:00, con le modalità stabilite dal bando di concorso.

 

 

News
tutte le news
Temi
tutti temi

Le informazioni contenute in questa pagina sono tratte dal Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) e sono aggiornate alla data del 08 settembre 2022. Le tematiche di seguito indicate sono quelle di interesse comune e quindi trasversali a tutte le discipline. Il DVR contiene ovviamente anche indicazioni specifiche relative a: attività svolte in piscina, lezioni di musica, movimento e sport, officine e laboratori, trasporto scolastico da parte della scuola e attività di pulizia da parte del personale ausiliario.

Nell’area download è visionabile il DVR base che ogni scuola adatta poi alle proprie esigenze.

 

  Aree tematiche nel DVR: da consultare direttamente nel DVR (area download)

I numeri di pagina indicati di seguito sono, nel file presente nell’area download, quelli indicati al sommo della pagina

  • Permanenza nelle aule e attività didattica, pgg. 12-13
  • Locali e composizioni delle classi, pgg. 15-16
  • Ricreazione, pgg.20-21
  • Assemblee, riunioni, incontri interni, aula magna: pgg. 22-23
  • Attività nelle biblioteche: pgg. 48-49
  • Lezioni di musica: pgg. 25-26
  • Integrazione: pgg. 27-28
  • Mensa: pgg. 29-32
  • Scienze Motorie: pgg. 33-36
  • Lezioni di nuoto: pgg. 37-39
  • Giornata delle porte aperte: pgg. 51-52

Allegati: Istruzioni con immagini – uso mascherine e guanti

 

 

 

 

  Nota: Deve essere indossata dagli studenti la mascherina chirurgica se la distanza interpersonale di 1m non viene rispettata; altrimenti, può essere utilizzata anche una mascherina in tessuto lavabile e riutilizzabile, che se indossata correttamente, assicura la copertura di naso e bocca (cosiddette “mascherine di comunità”)

pg.5  La mascherina FFP2 senza valvola deve essere indossata:

  • su indicazione del medico competente (presentazione di certificato medico)
  • nello svolgimento di determinate attività, per le quali nel documento di valutazione del rischio è prescritto di indossare la mascherina FFP2 (i.e. assemblee, riunioni, eventi, conferenze, attività con studenti la cui disabilità non è compatibile con l’impiego di un DPI, giornata delle porte aperte, sorveglianza nello svolgimento dei test in autosomministrazione come da indicazioni ASL 25.11.21, pg.3)
  • quando in classe, vi sono studenti esentati dal requisito di indossare la mascherina (tramite certificato da un medico della sanità pubblica)
  • ai sensi delle indicazioni normative oppure procedura da parte del Dipartimento di Prevenzione in caso di presenza di almeno un caso positivo in classe

pg. 12 Permanenza nelle aule – attività didattica: il datore di lavoro mette a disposizione i DPI (mascherina chirurgica o FFP2) agli insegnanti.

pg. 22 Riunioni / assemblee / aula magna:

  • il datore di lavoro dà istruzioni che i partecipanti alle assemblee, alle riunioni, agli eventi e alle conferenze, indossino la mascherina FFP2
  • il datore di lavoro mette a disposizione DPI (mascherine FFP2)
  • coloro che partecipano alle assemblee, alle riunioni, agli spettacoli e agli eventi devono indossare la mascherina FFP2

pg.33 Movimento e Sport: preferibilmente fare attività all’aperto (dove e quanto più a lungo possibile)

  • per le persone che svolgono attività fisiche/motorie e sportive all’aperto, si applica l’esenzione dall’obbligo della mascherina, tenendo conto della distanza interpersonale
  • per i soggetti che stiano svolgendo attività didattiche di educazione fisica/scienze motorie e sportive in spazi chiusi, si applica l’esenzione dall’obbligo della maschera, tenendo conto della distanza interpersonale di 2 metri e di una ventilazione sufficiente

pg.51: Giornata delle porte aperte

  • il datore di lavoro mette a disposizione del personale la mascherina FFP2
  • il personale e tutti i partecipanti devono indossare la mascherina FFP2

 

 

pg.6 Uso dell’ascensore

L’ascensore può essere usato solo singolarmente, tranne che per le persone che necessitano assistenza, nel qual caso le persone presenti nell’ascensore devono indossare una protezione per la bocca e il naso.

 

  Soggetti esterni (tra cui i genitori):

 Dal 01.02.2022 i soggetti esterni possono entrare nell’edificio solo se in possesso della “certificazione verde”, su appuntamento e solo necessario; devono inoltre registrarsi (nome, cognome, numero di telefono, indirizzo e-mail, data e ora esatta di entrata e uscita). I dati non devono essere conservati per più di 14 giorni.

A scuola è d’obbligo per tutti:

  • Mantenere una distanza minima di almeno 1 m tra le persone, altrimenti indossare una protezione delle vie respiratorie. Ai docenti le protezioni delle vie respiratorie vengono fornite dalla scuola stessa.
  • Indossare protezioni per le vie respiratorie, tranne per le persone con malattie o patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina.
  • Negli spazi all’aperto evitare assembramenti
  • Chi condivide lo stesso posto di lavoro con altre persone devono disinfettare il posto di lavoro (ad esempio la scrivania, tastiera, mouse, telefono) prima di iniziare a lavorare

 

Istruzione e formazione Covid-19

Per garantire la formazione, tutti i dipendenti devono frequentare un corso sui rischi associati alle emergenze epidemiologiche e all’uso dei DPI. Il corso è messo a disposizione dall’Ufficio per lo Sviluppo del Personale sulla piattaforma di apprendimento Copernicus.

 

Referente scolastico per Covid-19

Ogni direzione scolastica deve nominare un referente Covid-19 e un vice; viene raccomandato in ogni plesso.

  Compiti del Referente scolastico per Covid-19: collaborazione con il Dipartimento di prevenzione (DdP)

In presenza di casi confermati COVID-19, spetta al DdP della ASL competente territorialmente di occuparsi dell’indagine epidemiologica volta ad espletare le attività di contact tracing (ricerca e gestione dei contatti).

Per agevolare le attività di contact tracing, il referente scolastico per COVID-19 dovrà:

  • fornire l’elenco degli studenti della classe in cui si è verificato il caso confermato;
  • fornire l’elenco degli insegnati/educatori che hanno svolto l’attività di insegnamento all’interno della classe in cui si è verificato il caso confermato;
  • fornire elementi per la ricostruzione dei contatti stretti avvenuti nelle 48 ore prima della comparsa dei sintomi e quelli avvenuti nei 14 giorni successivi alla comparsa dei sintomi. Per i casi asintomatici, considerare le 48 ore precedenti la raccolta del campione che ha portato alla diagnosi e i 14 giorni successivi alla diagnosi;
  • indicare eventuali studenti/operatori scolastici con fragilità;
  • fornire eventuali elenchi di operatori scolastici e/o studenti assenti.

 

A scuola:

  è d’obbligo per tutti:

  • Mantenere una distanza minima di 1 m tra le persone, altrimenti indossare una protezione delle vie respiratorie. Ai docenti le protezioni delle vie respiratorie vengono fornite dalla scuola stessa.
  • Indossare la protezione per le vie respiratorie quando ci si muove nell’edificio (ad es. nel corridoio, nelle scale o nell’area d’ingresso)
  • Chi condivide lo stesso posto di lavoro con altre persone deve disinfettare il posto di lavoro (ad esempio la scrivania, tastiera, mouse, telefono) prima di iniziare a lavorare

  è preferibile:

Usare i propri strumenti di scrittura, gli strumenti di lavoro e altri utensili.

 

    Come devono svolgersi assemblee/riunioni/eventi e incontri?

♠  Riunioni e incontri didattici:

  • se si tratta di sedute con persone esterne alla struttura che le convoca, queste devono tenersi in forma digitale, tramite piattaforma digitale;
  • se si tratta di sedute interne ad una struttura o ufficio queste possono, se ritenuto necessario, anche tenersi in presenza, pur nel rispetto di tutte le misure di sicurezza
  • qualora gli alunni e le alunne delle scuole di ogni ordine e grado partecipino in orario scolastico a spettacoli in teatri o cinema, è ammessa contemporaneamente la presenza di una sola classe all’attività

vedi anche:

Ordinanza  n.01 del 05.01.22,  “Istruzione e Formazione”, punto 26 “Riunioni collegiali”

Le riunioni e gli incontri presso le scuole o le direzioni scolastiche possono essere effettuate in presenza, nel rispetto delle misure di sicurezza e delle regole sulla distanza interpersonale vigenti; allo stesso modo possono essere organizzate anche ulteriori attività di formazione in presenza, sempre nel rispetto delle misure di sicurezza e delle regole sulla distanza interpersonale vigenti;

 

♠  Tirocini/orientamento:

Le attività inerenti i percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento, nonché le attività di tirocinio possono essere svolti nei casi in cui sia possibile garantire il rispetto delle prescrizioni sanitarie e di sicurezza vigenti.

 

     Alle macchine per il caffè o alle stampanti possono essere presenti al massimo due persone alla volta

 

Viaggi d‘istruzione:

I viaggi di istruzione, le iniziative di scambio, così come le visite guidate e didattiche, i campi scuola e altre escursioni, sono vietati.

 

  Lavoratrici in gravidanza:

A condizione che la distanza interpersonale minima di 1 metro possa essere mantenuta in modo permanente e che le lavoratrici in gravidanza indossino la protezione delle vie respiratorie prevista, non vi è alcun rischio aggiuntivo di contagio da Covid-19.

Se queste misure non possono essere rispettate, allora il datore di lavoro deve concordare con la collaboratrice in stato di gravidanza quanto segue:

  • assegnazione ad un’altra attività,
  • designare all’attività di apprendimento a distanza o smart working,
  • collocare la dipendente in congedo anticipato di maternità

 

  Pulizia: 

La pulizia e la disinfezione di superfici, attrezzature di lavoro, punti di contatto (pulsanti degli ascensori, interruttori della luce, maniglie di porte o finestre, rubinetti, sciacquone del WC, ecc.) possono essere effettuate dal personale addetto alle pulizie nel rispetto delle norme di sicurezza e igiene previste.

  La pulizia è compito del personale addetto alle pulizie. Si può decidere caso per caso che il personale docente o gli studenti svolgano anche piccoli lavori di pulizia.

 

Sanificazione straordinaria della scuola

– Effettuare una sanificazione straordinaria della scuola:

– secondo le prescrizioni del dipartimento di Sanità oppure

– se sono trascorsi 7 giorni o meno da quando la persona positiva (test molecolare ovvero test antigenico nasale) ha visitato o utilizzato la struttura

  • chiudere le aree utilizzate dalla persona positiva fino al completamento della sanificazione
  • aprire porte e finestre per favorire la circolazione dell’aria nell’ambiente
  • sanificare (pulire e disinfettare) tutte le aree utilizzate dalla persona positiva, come uffici, aule, ecc. ai sensi delle disposizioni della circolare n. 5443 del 22 febbraio 2020 del Ministero della Salute e il documento ISS Covid-19 n. 12 del 20.05.2021.
  • continuare con la pulizia e la disinfezione ordinaria

 

  Prova di evacuazione:

Durante la vigenza del periodo di emergenza (Covid-19), al fine di evitare assembramenti indebiti l’esecuzione della prova di evacuazione prevista per legge può essere sospesa (Parere dell’Ufficio Prevenzione Incendi del 30.08.2020).

Per preparare il personale e i bambini ad una eventuale evacuazione di emergenza dello stabile, è necessario analizzare con i singoli gruppi il comportamento corretto da tenere in caso di emergenza, le vie di fuga e verificare il punto di raccolta.

Nel caso in cui si renda necessaria un’evacuazione a causa di un’emergenza, tutti i presenti devono indossare una protezione delle vie respiratorie e recarsi al punto di raccolta indicato.

News
tutte le news
Temi
tutti temi

08.08.22 Pubblicate le graduatorie provinciali e di istituto definitive

graduatorie di istituto definitive del personale docente delle scuole in lingua italiana della provincia di Bolzano, valide per il triennio scolastico 2022/2025 (decreto del Direttore provinciale scuole n. 13527/2022)

graduatorie provinciali definitive del personale docente delle scuole in lingua italiana della provincia di Bolzano, valide per l’anno scolastico 2022/2023 (decreto del Direttore provinciale scuole n. 13526/2022)

Tutti i documenti sono visionabili nell’area download.

 

29.07.22   Scioglimento riserva: nell’area download il modulo per lo scioglimento della riserva

Gli insegnanti inseriti con riserva nelle graduatorie provinciali o di Istituto che intendono ottenere l’inclusione a pieno titolo nelle graduatorie compilate per l’anno scolastico 2022/23 sono tenuti a produrre la documentazione mancante entro il 29 luglio 2022.

  Area download: circolare, moduli scioglimento

 

01.02.22 Cancellazione dalle graduatorie di altra provincia e inserimento nelle graduatorie della provincia di Bolzano

Incompatibilitá iscrizione in due province diverse

Il personale docente inserito nelle graduatorie per il tempo determinato di altra provincia dovrà possedere la necessaria documentazione che dimostri l’inoltro dell’istanza di cancellazione presso l’Ufficio scolastico di competenza all’atto dell’iscrizione nelle graduatorie di istituto della provincia di Bolzano.
   La data di inoltro dell’istanza all’USR competente dovrà essere antecedente alla data di inoltro della domanda di inserimento nelle graduatorie di Bolzano.

In ogni caso, ai fini del positivo inserimento nelle graduatorie di istituto della provincia di Bolzano, la cancellazione di cui sopra dovrà risultare effettiva entro e non oltre il 31/07/2022.

Sono fatte salve le regole di cancellazione disposte dagli USR provinciali e regionali.

 

Sono stati riaperti i termini per presentare domanda di:

  • inserimento nelle graduatorie d’istituto per l’anno scolastico 2022/23 (L2; AT23)  o per il triennio 2022/25 (tutte le altre classi di concorso)
  • aggiornamento delle/nuovo inserimento nelle graduatorie provinciali per l’anno scolastico 2022/23

  Le domande possono essere inviate dal 21 gennaio 2022 al 21 febbraio 2022. 

Nell’area download sono presenti la circolare con tutti i dettagli relativi alle operazioni di inserimento e aggiornamento delle graduatorie e i modelli di domanda in formato pdf compilabile.

 

INVIO DELLE DOMANDE:

  • con posta elettronica certificata all’indirizzo PEC dell’ufficio , allegando copia di un documento di identità o di riconoscimento, oppure
  • tramite posta elettronica ordinaria all’indirizzo e-mail: , allegando copia di un documento di identità o di riconoscimento
  • attraverso la competente autorità Consolare per i candidati che prestano servizio o che risiedono all’estero

  NON VERRANNO PRESE IN CONSIDERAZIONE (ESCLUSIONE AUTOMATICA):
• Domande prive della firma a mano o digitale (le uniche valide);
• Domande sottoscritte con firma etichetta, firma scansionata, firma fotografata, copiata e incollata;
• Domande prive della copia del documento di identità o di riconoscimento;
• Domande pervenute fuori termine;
• Domande pervenute oppure redatte su moduli diversi da quelli resi disponibili dallo scrivente ufficio;
• Domande pervenute attraverso link temporaneo o a scadenza;
• Domande compilate utilizzando il modello di domanda errato (ad esempio il modello di domanda per l’inserimento nelle graduatorie provinciali anziché il modello di domanda graduatorie d’istituto e viceversa)

News
tutte le news
Temi
tutti temi

04.08.22 Pubblicati gli ESITI relativi ad utilizzazioni/assegnazioni provvisorie del personale docente a tempo indeterminato per l’a.s. 2022-23

  Decreti visionabili nell’area download

 

  TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE:

dal 28 giugno al 7 luglio 2022 (TERMINE PERENTORIO)

Tale termine vale anche per docenti di altra Intendenza scolastica e per i docenti titolari in altra provincia che intendono chiedere utilizzazione/assegnazione provvisoria per scuole in lingua italiana della provincia di Bolzano.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE ON LINE:

Tutti i docenti, compresi i docenti da altra Intendenza scolastica e quelli titolari in altra provincia, ad eccezione di quelli di cui alla successiva lettera B), dovranno presentare la domanda di utilizzazione/assegnazione provvisoria utilizzando l’apposita funzione “Istanze on line” presente sul sito internet del Ministero dell’Istruzione al presente link.

Per accedere si potranno utilizzare esclusivamente credenziali digitali SPID, previa conclusione della procedura di abilitazione al servizio

 

  PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE SU MODULO CARTACEO:

B) Presenteranno eventuali domande di utilizzazione/assegnazione provvisoria su modulo cartaceo:
1) DOCENTI DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria, secondaria di I e II grado;
2) DOCENTI RICHIEDENTI UN’ASSEGNAZIONE SU STRUMENTO MUSICALE NELLA SCUOLA SEC. II GRADO PER CONTINUITÀ DIDATTICA.
3) DOCENTI DELLA CLASSE DI CONCORSO A023/TER.

Le domande cartacee devono essere recapitate all’Ufficio amministrazione scolastica direttamente da parte dell’interessato tramite una sola delle seguenti modalità:

– all’indirizzo e-mail (scansione in formato pdf/A con firma autografa e copia
di un documento d’identità);
– da indirizzo di pec intestata all’interessata/all’interessato all’indirizzo di posta elettronica certificata: (scansione in formato pdf/A con firma autografa).

 

NOTE UTILI:

  UTILIZZAZIONI/ASSEGNAZIONI PROVVISORIE:
Tenuto conto dell’attuale quadro giuridico ed in attesa di una compiuta definizione del quadro normativo di riferimento, anche i docenti neo-immessi in ruolo negli anni scolastici 2020/21 e 2021/22 potranno presentare domanda di utilizzazione/assegnazione provvisoria in provincia o anche per altra provincia per l’anno scolastico 2022/23, purché in possesso dei requisiti prescritti dalla normativa.

ASSEGNAZIONI PROVVISORIE:
Si ricorda che nelle domande di assegnazione provvisoria l’indicazione del codice sintetico del comune di ricongiungimento è obbligatoria, qualora si intenda esprimere preferenze anche per altro comune o per altra classe di concorso.

  DOCENTI CLASSE DI CONCORSO A023/ter
Al fine di ottenere una sede di servizio per l’anno scolastico 2022/23, in provincia, i docenti della classe di concorso A023/ter possono chiedere di essere confermati nell’attuale sede di servizio e/o di essere utilizzati presso un’altra istituzione scolastica attraverso lo specifico modello domanda allegato alla presente circolare (modulo cartaceo con le modalità di trasmissione sopra descritte).
I docenti che non presentano alcuna domanda entro i termini stabiliti al fine di ottenere un provvedimento annuale o che non sono stati soddisfatti per le preferenze espresse a domanda vengono utilizzati d’ufficio, prioritariamente nella scuola di servizio dell’anno scolastico precedente dopo le conferme e le nuove utilizzazioni (vd. art. 12bis CCP dd. 24.06.2022).
Per i docenti della classe di concorso A023/ter l’eventuale richiesta di assegnazione provvisoria per altra provincia è consentita solo se in possesso di specifica abilitazione per altra classe di concorso e previo

 

  TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE PER ALTRA PROVINCIA: gli interessati alla presentazione di eventuali domande di utilizzazione/assegnazione provvisoria per altra
provincia (esclusa la provincia di Trento, a cui si rimanda per ogni informazione) sono tenuti a rispettare la tempistica e modalità fissate dal Ministero dell’Istruzione (https://www.miur.gov.it/) con nota prot. n. 23439/2022 (termine ultimo 4 luglio 2022).

 

   REVOCA DOMANDE PER LE SCUOLE IN LINGUA ITALIANA DELLA PROVINCIA DI BOLZANO:
Eventuali revoche delle domande di utilizzazione/assegnazione provvisoria per scuole in lingua italiana della provincia di Bolzano dovranno pervenire all’Ufficio amministrazione scolastica improrogabilmente entro il 15 luglio 2022 in forma cartacea direttamente da parte dell’interessato tramite una sola delle seguenti modalità:

– all’indirizzo e-mail (scansione in formato pdf/A con firma autografa e copia di un documento d’identità)
– da indirizzo pec intestato all’interessata/all’interessato all’indirizzo di posta elettronica certificata: (scansione in formato pdf/A con firma autografa).

 

  DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLE DOMANDE:

Le domande di mobilità, presentate in modalità “on line” o su modulo cartaceo, devono essere corredate dalla documentazione attestante il possesso dei requisiti per l’attribuzione dei punteggi previsti nelle tabelle di valutazione allegate al contratto collettivo nazionale integrativo (CCNI) sulla mobilità del personale della scuola e per l’attribuzione di eventuali precedenze come disposto dal medesimo contratto.

I moduli per le autocertificazioni e/o dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà da utilizzare per attestare determinati requisiti e precedenze si trovano nell’area download.

I certificati medici attestanti lo stato di salute proprio o di un familiare al fine di fruire di precedenze o maggiorazioni di punteggio sulla base di quanto disposto dal CCNI citato non possono essere sostituiti da autocertificazione e pertanto continueranno ad essere presentati unitamente alle domande di mobilità nei casi e modi previsti dall’art. 4 dell’OM 45/2022.

La precedenza prevista per il coniuge di militare trasferito d’autorità dovrà essere documentata come indicato nell’art. 4 dell’OM 45/2022.

I docenti che hanno presentato domanda di trasferimento/passaggio per l’anno scolastico 2022/23 non sono tenuti a ripresentare autocertificazioni/certificati medici salvo che non siano subentrate variazioni.

 

 

DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLE DOMANDE (sia per l’invio-online che cartaceo):

   FAQs compilazione domanda:

STABILITA’ DELLA CONVIVENZA:

1. Che cosa si intende per “stabilità della convivenza” ?

Si intende la presenza nello stato di famiglia della persona a cui si chiede ricongiungimento.

2. Verso chi sussiste l’obbligo relativo alla “stabilità della convivenza” ?

  • SOLO  verso i “conviventi”, vale a dire: il/la convivente, i parenti, gli affini, i figli maggiorenni
  • NON  verso coniuge, figli di minore età e genitori

3. Come dichiaro la “stabilità della convivenza?” ?

Attraverso l’autocertificazione, compilando il modulo “dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà”. L’amministrazione provvede poi ai controlli circa la veridicità della dichiarazione.

INDICAZIONE DELLE PRECEDENZE:

1.  Quando devo indicare tra le preferenze il comune di ricongiungimento ?

Lo devo indicare quando oltre alle scuole presenti nel comune di ricongiungimento voglio indicare anche un comune in cui non ho i requisiti del ricongiungimento o se chiedo altra classe di concorso.

Es. Titolare a Brunico. Requisito del ricongiungimento a Bolzano.  Vuole richiedere anche Laives in subordine a Bolzano, anche se a Laives non ha i requisiti per il ricongiungimento.

Indica una o più scuole a Bolzano + comune di Bolzano + comune di Laives

  • Cosa succede se questo docente non indica anche il comune di ricongiungimento ? Le preferenze espresse per il comune per cui non ha i requisiti (Laives, nell’esempio) non vengono prese in considerazione.

2.  Se indico solo le scuole del comune di ricongiungimento e nessun altro comune, devo indicare anche il comune di ricongiungimento stesso ?

NO. È sufficiente indicare le scuole.

News
tutte le news
Temi
tutti temi

Si comunica che i docenti con contratto a tempo indeterminato possono presentare le seguenti domande entro l’8 giugno 2022 (compreso)

– trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale

– trasformazione del rapporto di lavoro da tempo parziale a tempo pieno

– tempo parziale articolato su un biennio scolastico (tale forma di part-time può essere richiesta dal personale con un’anzianità di servizio di almeno dieci anni e che con questo tipo di part-time il rapporto di lavoro corrisponde al 50% dell’orario di lavoro a tempo pieno per la durata di un biennio con lo svolgimento della prestazione di lavoro prevista nel biennio in un solo anno scolastico. Non è prevista la revoca di tale forma di part-time una volta concessa ad eccezione dell’anno scolastico 2022/23 nel caso di fruizione del periodo di riposo prima del pensionamento.I docenti che hanno in corso un contratto di part-time debbono dapprima revocare il part-time e successivamente richiedere il part-time su biennio.)

La domanda va presentata al Dirigente scolastico della sede di titolarità riferita all’1.09.2022 oppure, per i docenti privi di sede di titolarità (es.DOPS ecc.) al Dirigente scolastico dell’attuale scuola di servizio.

 

  La durata del rapporto di lavoro a tempo parziale è di un anno scolastico e si rinnova tacitamente.

 

  DOCENTI IMMESSI IN RUOLO con PART TIME o SPEZZONE ORARIO:

  • i docenti immessi in ruolo  su spezzone di ore rientrano automaticamente a tempo pieno  l’anno successivo. Quindi se vogliono il part-time devono farne richiesta.
  • i docenti immessi in ruolo  su un posto intero  e che  hanno invece richiesto part-time a scuola proseguono con il part-time salvo revoca (i contratti sono formulati con “tacitamente rinnovato”).

  Relativamente al rapporto di lavoro a tempo parziale contestuale all’aspettativa per prole di cui all’art. 31, allegato 4, del Testo unico dei CCP d.d. 23.04.2003: le domande per questo tipo di rapporto di lavoro a tempo parziale vanno presentate al Dirigente scolastico della rispettiva sede di titolarità (riferita al 01.09.2022) e, per quanto riguarda i docenti privi di sede di titolarità (vd. es. DOPS ecc.) al Dirigente scolastico della scuola di servizio entro il 1 agosto 2022.

La durata di questo tipo di rapporto di lavoro a tempo parziale è di un anno scolastico, pertanto a decorrere dall’anno scolastico successivo, concluso il rapporto di lavoro a tempo parziale contestuale all’aspettativa per prole, il docente rientra automaticamente in servizio con il contratto di lavoro di cui godeva in precedenza (tempo pieno o tempo parziale), salvo la presentazione di una nuova richiesta.

I moduli e la circolare relativi al part-time sono consultabili e scaricabili nell’area download.

News
tutte le news
Temi
tutti temi

  11.07.22 Sentenza avverso sottoscrizione del contratto di mobilità 2022-25

Nell’area download:

  • Comunicato Ivana Barbacci sull’Ordinanza del Tribunale di Roma che ha accolto il ricorso promosso da CGIL e UIL contro la sottoscrizione del contratto sulla mobilità 2022-25
  • Sentenza del Tribunale di Roma 09.07.22

 

 

 

I docenti interessati ai trasferimenti o passaggi all’interno o verso la scuola in lingua italiana per la scuola primaria, secondaria di I e II grado dovranno presentare domanda entro:

martedì 15 MARZO 2022

TALE TERMINE VALE ANCHE PER:

  •  i docenti delle scuole in lingua tedesca e delle località ladine interessati ad indicare preferenze relative alla scuola in lingua italiana di Bolzano. Questi docenti dovranno presentare l’eventuale domanda di mobilità secondo le modalità indicate dalle rispettive Intedenze scolastiche tedesca e ladina;
  • i docenti di altra provincia interessati ad indicare preferenze relative alla scuola in lingua italiana di Bolzano. Questi docenti dovranno presentare l’eventuale domanda di mobilità secondo le modalità indicate dall’OM n.45/2022.

  ECCEZIONE: docenti di religione cattolica:

MOBILITÀ INTERREGIONALE DEI DOCENTI DI RELIGIONE CATTOLICA PRESENTAZIONE DOMANDE SOLO IN MODALITÀ CARTACEA
dal 21 marzo al 15 aprile 2022 (TERMINE PERENTORIO)

Le domande di mobilità interregionale dei docenti di religione cattolica delle scuole in lingua italiana della provincia di Bolzano, corredate dalla relativa documentazione, dovranno essere presentate al Dirigente della scuola di servizio.
La scuola di servizio trasmetterà le domande allo scrivente Ufficio entro il 15 aprile 2022 per interoperabilità all’indirizzo e-mail: mediante scansione in formato PDF/A, tratterrà l’originale agli atti e ne confermerà la conformità all’originale al momento dell’invio.

I docenti devono essere in possesso della certificazione di idoneità rilasciata dall’Ordinario della diocesi di destinazione. In merito si specifica che i docenti titolari in altra regione interessati alla mobilità verso la provincia di Bolzano devono essere in possesso del riconoscimento di “idoneità permanente” rilasciato dall’Ordinario diocesano di questa provincia.

Le istanze di revoca delle domande presentate devono pervenire allo scrivente Ufficio per il tramite della scuola di servizio entro il 20 maggio 2022 con le stesse modalità di trasmissione indicate sopra. I docenti titolari in altre regioni dovranno indirizzare la domanda all’Ufficio scolastico regionale della regione di titolarità e seguire le indicazioni del medesimo Ufficio scolastico.

 

  ASSISTENZA (TELEFONICA) ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI MOBILITA’:

Ad eccezione di quanto previsto per il personale docente di religione cattolica e per i soprannumerari, le domande di trasferimento/passaggio, dovranno essere presentate “on line” utilizzando l’apposita applicazione “Istanze on line” presente sul sito internet del Ministero dell’Istruzione

L’assistenza alla presentazione della domanda di mobilità avverrà con modalità telefonica esattamente come negli anni 2020 e 2021:

  • scrivi un’email ad uno degli indirizzi presenti nell’area contatti o all’indirizzo generale
  • verrai contattato telefonicamente per fissare un appuntamento
  • per procedere alla presentazione della domanda, all’appuntamento dovrai avere:

⇒  lo SPID (unico strumento per accedere a POLIS). Chi non è ancora abilitato a Istanze on line, dovrà utilizzare esclusivamente credenziali digitali SPID per accedere, previa conclusione della procedura di abilitazione al servizio.

⇒  il codice personale (unico strumento per caricare gli allegati e inviare/annullare la domanda in POLIS)

⇒  le informazioni relative ai titoli di servizio (anni di pre-ruolo e ruolo, su posto comune/sostegno),  titoli generali (concorsi svolti, master, corsi di perfezionamento ecc)

⇒  gli allegati che trovi nell’area download (documentazione da utilizzare per attestare determinati requisiti e precedenze):

  • Modello dichiarazione dell’anzianità di servizio per gli insegnanti della scuola primaria e secondaria
  • Modello dichiarazione di servizio continuativo
  • Modello dichiarazione sostitutiva delle certificazioni e di atto di notorietà
  • Modello dichiarazione di fruizione della precedenza di cui all’art. 13, comma 1, punti II e V del CCNI
  • Modello dichiarazione di fruizione della precedenza di cui all’art. 33, commi 5 e 7 della legge 104/92
  • La precedenza di cui al punto VI dell’art.13 del CCNI (coniuge di militare trasferito d’autorità) dovrà essere documentata come indicato nell’art. 4 comma 8 dell’OM n. 45/2022 (autocertificazione dalla quale risulti che il medesimo sia stato trasferito in tale sede d’autorità,nonché una dichiarazione, resa sotto la propria personale responsabilità, con la quale il coniuge trasferito dichiari di essere convivente con il richiedente)

N.B. I certificati medici attestanti lo stato di salute proprio o di un familiare al fine di fruire di precedenze o maggiorazioni di punteggio sulla base di quanto disposto dall’ipotesi di CCNI non possono essere sostituiti da autocertificazione e pertanto continueranno ad essere presentati unitamente alle domande di mobilità nei casi e modi previsti dall’art. 4 dell’OM n. 45/2022.

Gestione allegati: i docenti che presentano la domanda on line  attraverso l’applicazione POLIS “Istanze on line” presente sul sito internet del MIUR, prima della compilazione del modulo domanda devono caricare e gestire gli allegati attraverso la funzione “Gestione allegati” presente nella medesima applicazione “Istanze on line”.

In merito si ricorda che l’Intendenza verificherà d’ufficio la veridicità delle autocertificazioni e delle dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà. Le dichiarazioni mendaci sono punite a norma delle disposizioni vigenti in materia e quindi si raccomanda la massima precisione e scrupolosità nel compilare le autocertificazioni.

  PREFERENZE:
Nella stessa domanda di mobilità si possono esprimere fino a 15 preferenze sia provinciali che interprovinciali.
Le preferenze possono essere del seguente tipo: scuola, comune, distretto, provincia.
S’informa che la scuola secondaria di I grado con sede a Bolzano associata all’Istituto pluricomprensivo Bolzano – Europa 1, codice IBMM80403T, è stata intitolata ad “Anna Frank” e quindi si trova tra le preferenze esprimibili con questa denominazione.
Per preferenze riguardanti la provincia di Trento si rimanda a quanto indicato dall’Ufficio scolastico di quella provincia.

 

  DOCENTI NEO IMMESSI IN RUOLO 2021/22 (esclusi docenti A023/ter)

Per l’anno scolastico 2022/23 i docenti neo-nominati in ruolo nell’anno scolastico 2021/2022, attualmente senza sede, compresi i neo-nominati su dotazione organica provinciale supplementare – “DOPS” -, devono presentare domanda di trasferimento al fine di ottenere una sede di titolarità.

Potranno esprimere preferenze sia provinciali che interprovinciali.

I docenti che saranno soddisfatti a seguito di domanda volontaria avranno il vincolo di permanenza di tre anni di effettivo servizio nella scuola ottenuta, indipendentemente dalla tipologia di preferenza espressa (puntuale = scuola specifica; sintetica = comune), prima di poter presentare una nuova domanda di mobilità, salvo le eccezioni previste dalla normativa. I docenti che non saranno soddisfatti nelle preferenze espresse o non presenteranno domanda saranno trasferiti d’ufficio.

 

  DOCENTI NEO IMMESSI IN RUOLO 2020/21 Per l’anno scolastico 2022/23 tutti i docenti immessi in ruolo nell’anno scolastico 2020/2021, compresi i docenti “DOPS”, potranno presentare domanda di trasferimento per altra provincia. Non possono invece presentare domanda di trasferimento in provincia se per l’anno scolastico 21/22 sono stati soddisfatti a seguito di domanda volontaria su preferenza puntuale (= specifica scuola), salvo le eccezioni previste dalla normativa.

 

  VINCOLI DI PERMANENZA NELLA SCUOLA OTTENUTA NELLE OPERAZIONI DI MOBILITÀ PER GLI ANNI SCOLASTICI 19/20 – 20/21 – 21/22

  • a.s. 2019/20: i docenti che nelle operazioni di mobilità per l’anno scolastico 2019/2020, a seguito di domanda volontaria, sia territoriale (trasferimento) che professionale (passaggio di ruolo/cattedra), sono stati soddisfatti su preferenza puntuale di scuola espressa (= una specifica scuola), hanno esaurito il vincolo triennale di permanenza nella scuola ottenuta e potranno quindi presentare domanda di mobilità per l’anno scolastico 2022/23.
  • aa.ss. 2020/2021 e 2021/2022: i docenti che nelle operazioni di mobilità per gli anni scolastici 2020/2021 e 2021/2022 a seguito di domanda volontaria, sia territoriale che professionale, sono stati soddisfatti su preferenza puntuale di scuola espressa, hanno il vincolo di permanenza di tre anni nella scuola ottenuta, fatte salve le eccezioni previste dalla normativa.

 

  VINCOLI DI PERMANENZA NELLA SCUOLA CHE SI OTTERRÀ NELLE OPERAZIONI DI MOBILITÀ PER L’ANNO SCOLASTICO 2022/23

  • I docenti che nelle operazioni di mobilità per l’anno scolastico 2022/23 a seguito di domanda  volontaria, sia territoriale (trasferimento) che professionale (passaggio di ruolo/cattedra), saranno soddisfatti su preferenza puntuale (= una specifica scuola) di scuola, espressa in provincia, avranno il vincolo di permanenza di tre anni nella scuola ottenuta, fatte salve le eccezioni previste dalla normativa.
  • I docenti che nelle operazioni di mobilità per l’anno scolastico 2022/23 a seguito di domanda volontaria, sia territoriale che professionale, saranno soddisfatti su qualsiasi tipo di preferenza espressa per altra provincia, avranno il vincolo di permanenza di tre anni nella scuola ottenuta, fatte salve le eccezioni previste dalla normativa.

 

  DOCENTI SENZA SEDE / DOCENTI DOPS:

Tutti i docenti ancora senza sede, compresi i docenti DOPS, devono presentare domanda di mobilità al fine di ottenere una sede di titolarità.

  • I docenti DOPS non possono presentare domanda di passaggio di cattedra/ruolo all’interno della provincia. Nelle domande di mobilità dei docenti DOPS, nel caso esprimano sia preferenze provinciali che interprovinciali, le preferenze interprovinciali verranno trattate prima di quelle provinciali.
  • Per i docenti senza sede, ivi compresi i docenti DOPS, nel caso non presentino domanda di mobilità o non vengano soddisfatti sulle preferenze espresse si procederà al trasferimento d’ufficio su una scuola della provincia.

Nel caso comunque non sia stato possibile operare un trasferimento a domanda o d’ufficio per mancanza di disponibilità i docenti attualmente senza sede/DOPS rimarranno nel loro “status” e dovranno presentare domanda di mobilità annuale per ottenere una sede di servizio.

 

   DOCENTI DELLA CLASSE DI CONCORSO A023/TER
I docenti della classe di concorso A023/ter – sostegno linguistico – non presenteranno domanda di trasferimento al fine di ottenere una scuola di titolarità. Allo stato attuale, in attesa di ulteriori definizioni normative, considerata la specificità della classe di concorso, tali docenti risultano titolari nella dotazione organica provinciale, senza una sede definitiva. Acquisiranno la sede di servizio nel corso delle operazioni di utilizzazione/assegnazione provvisoria secondo quanto verrà stabilito con la contrattazione decentrata riguardante la mobilità annuale.

 

♥ POSTI DI INGLESE NELLA SCUOLA PRIMARIA:

I posti per l’insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria sono richiedibili dai docenti titolari in provincia di Bolzano esclusivamente se in possesso dei titoli previsti dall’art. 9 del CCP (visionabili nell’area download).

I docenti che hanno ottenuto un movimento da fuori provincia su tale tipologia di posto, se non ne sono già in possesso, devono conseguire, entro i termini previsti per la presentazione delle domande di mobilità annuale per l’anno scolastico successivo, la corrispondente certificazione linguistica di livello almeno B2 rilasciata da ente certificatore riconosciuto, seguendo un percorso che verrà concordato con il personale ispettivo di riferimento. In mancanza si procederà al trasferimento d’ufficio sull’organico provinciale su posto classe.

I docenti che ottengono il trasferimento o passaggio sui posti di lingua inglese della scuola primaria devono garantire la permanenza per almeno un triennio su tale tipologia di posti.

 

  EX PERDENTI POSTO:
Per il personale trasferito d’ufficio o a domanda condizionata in quanto soprannumerario permane il diritto al rientro con precedenza nell’ex scuola/comune di titolarità nelle operazioni di trasferimento relative ad uno degli anni scolastici dell’ottennio successivo al provvedimento suddetto. Tale precedenza è subordinata all’aver presentato domanda condizionata in qualità di docente soprannumerario.

 

  REVOCA DOMANDE DI TRASFERIMENTO/PASSAGGIO: ENTRO E NON OLTRE IL 13 APRILE 2022

Le istanze di revoca delle domande di trasferimento/passaggio redatte in forma cartacea utilizzando l’apposito modulo (vedi area download) vengono trasmesse dalla scuola di servizio all’Intendenza per interoperabilità all’indirizzo e-mail: mediante scansione in formato PDF/A; la scuola tratterrà l’originale agli atti e confermerà la conformità all’originale al momento dell’invio.

  • docenti di religione cattolica: tali termini non riguardano i  interessati a presentare domanda interregionale, per i quali si rimanda all’apposita sezione della presente circolare “Mobilità interregionale dei docenti di religione cattolica”
  • docenti delle scuole in lingua tedesca, ladina e di altra provincia: presenteranno eventuali revoche secondo le indicazioni fornite dall’Ufficio scolastico di appartenenza

  pubblicazione di trasferimenti, passaggi di ruolo/cattedra: 17  MAGGIO 2022

News
tutte le news
Temi
tutti temi
  • Richiesta anno sabbatico (fruizione di un anno di riposo all’interno di un periodo quinquennale per docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato con almeno 10 anni di servizio effettivo (anni utili quelli con almeno 180 giorni di servizio)
  • Riduzione dell’orario di insegnamento nei tre anni prima della pensione (l’orario di insegnamento viene ridotto al 75%: nella scuola secondaria non meno di 14 ore settimanali e scuola primaria non meno di 17 ore settimanali; per il restante 25% dell’orario il docente svolge attività didattiche diverse dall’insegnamento curricolare o altre attività aggiuntive e necessarie. Il personale presta per ogni ora d’insegnamento, 1,9 ore di servizio)
Le domande di articolazione pluriennale dell’orario di lavoro (cd. “anno sabbatico”) e le domande di riduzione dell’orario (prima del pensionamento) devono essere presentate al dirigente:
entro il giorno 27 maggio 2022.
Lo stesso termine vale anche per coloro che chiedono di rinviare la fruizione del periodo di riposo, inizialmente richiesto per l’anno scolastico 2022/23, ad un anno scolastico successivo.
  Anno sabbatico:
Il citato art. 16 prevede che il personale docente ed equiparato con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, possa chiedere, nell’arco di un periodo quinquennale, la fruizione di un periodo di riposo della durata di un anno scolastico, valido a tutti gli effetti, a partire:
a) dal quarto anno scolastico in caso di un’anzianità di servizio di almeno 10 anni;
b) dal terzo anno scolastico in caso di un’anzianità di servizio di almeno 15 anni;
c) dal primo anno scolastico in caso di un’anzianità di servizio di almeno 20 anni.
  • Durante il periodo quinquennale al docente compete un trattamento economico ridotto all’80%.
  • La fruizione del periodo di riposo in un anno scolastico antecedente al quinto anno del quinquennio è subordinata alla presentazione di un’adeguata garanzia proporzionale all’anticipazione stipendiale concessa (procura speciale irrevocabile). In caso di rinvio del periodo di riposo, rimane salvo il diritto dello stesso nell’ambito del successivo quinquennio.

In particolare, si rammenta che:

– L’articolazione dell’orario di lavoro può essere concessa solo al personale docente con rapporto di lavoro a tempo pieno.

– Durante il quinquennio non è possibile richiedere la trasformazione del proprio rapporto di lavoro a tempo pieno ad uno a tempo parziale. L’articolo 9 del CCP del 13.07.2004 (Interpretazione autentica dell’art.16 del T.U. dei CCP del 23.04.2003) stabilisce infatti che l’articolazione pluriennale dell’orario di lavoro di cui all’art.16 del T.U. dei CCP del 23.04.2003 è da intendersi come orario di lavoro a tempo parziale nella misura dell’80% a tutti gli effetti con riferimento all’intero periodo quinquennale;

– Nel caso di fruizione di istituti contrattuali che prevedano una retribuzione piena non si procede all’interruzione del quinquennio e non è richiesto alcun provvedimento tranne che in caso di fruizione di congedo per maternità. La fruizione, invece, di istituti contrattuali con riduzione stipendiale che richiedano l’emissione di specifico provvedimento, interrompe il quinquennio.

  FRUIZIONE DEL PERIODO DI RIPOSO PRIMA DEL PENSIONAMENTO: alcuni docenti fruiscono del periodo di riposo nell’anno scolastico che precede il pensionamentoL’INPS ha sollevato delle criticità in merito: non essendoci prestazione lavorativa nell’anno solare (dal 1° gennaio al 31 agosto il docente è in anno di riposo e dal 1 settembre è in pensione) non è possibile riconoscere tale periodo ai fini pensionistici. È stata individuata, in via transitoria e di comune accordo con l’Ufficio Stipendi e INPS, una soluzione per coloro che avevano già programmato di fruire del periodo di riposo nell’anno scolastico 2022/23 e che andranno in pensione con il 01.09.2023. I docenti che si trovano in questa situazione dovranno mettersi in contatto al più presto con l’Ufficio Amministrazione scolastica: .
TRASFERIMENTO FUORI PROVINCIA: nei confronti dei docenti che si trasferiscono fuori provincia subito dopo aver fruito del periodo di riposo nel primo anno del quinquennio l’Ufficio stipendi procederà al recupero delle somme anticipate. In tal caso il periodo di riposo verrà considerato un’assenza senza assegni non valida ai fini pensionistici.
  Riduzione dell’orario d’insegnamento per gli insegnanti prossimi alla pensione:La riduzione dell’orario di insegnamento può essere concessa solamente nel caso in cui venga presentata contemporaneamente la richiesta non revocabile di cessazione dal servizio (cd. “domanda di pensione”). L’insegnante deve quindi allegare alla richiesta una certificazione dell’ufficio pensioni che attesti il raggiungimento dei requisiti di collocamento a riposo entro un triennio e presentare domanda irrevocabile di collocamento a riposo.
News
tutte le news
Temi
tutti temi

La concessione dei permessi straordinari retribuiti per il diritto allo studio nell’anno scolastico 2021/2022 è regolamentata da quanto disposto dal nuovo Contratto Collettivo Provinciale decentrato sottoscritto in data 05 agosto 2021 (nell’area download).

  Termine ultimo per la presentazione delle domande: lunedí 13 settembre

Pubblicazione graduatoria provvisoria degli aventi diritto: 16 ottobre. Entro 5 giorni sará possibile presentare reclamo. (modulo reclamo nell’area download)

Pubblicazione graduatoria definitiva: 22 ottobre

  Può presentare domanda di concessione dei permessi studio il personale docente con:

– contratto a tempo indeterminato

– contratto a tempo determinato con decorrenza al piú tardi dal 7° giorno dall’inizio delle lezioni (13 settembre 2021) e con durata fino ad almeno il 30 aprile 2022.

-con trattamento economico di almeno 9/18 o 11/22. I

  Il modulo di richiesta (area download) va:

– compilato digitalmente dal docente richiedente

–  firmato digitalmente o a mano (in questo caso allegare copia carta d’identitá)

– inviato in forma elettronica (file PDF-no foto) ad una delle seguenti caselle di posta istituzionale:

♣ posta elettronica ordinaria:

♣ posta elettronica certificata – PEC:

e per conoscenza all’indirizzo mail del/la Dirigente scolastico/a.

Si raccomanda la lettura del contratto, in particolare:

– l’articolo 4 (finalitá di studio, precedenze); si evidenzia che i permessi studio NON sono concedibili per il conseguimento di una seconda laurea (ma sono concedibili per una seconda abilitazione), né per il superamento di esami singoli ( ma sono concedibili per i 24 CFU);

– l’articolo 5 (modalitá di fruizione, nr ore fruibili per la presenza in aula, per studio/corsi online, per redazione tesi). Le ore per lo studio possono essere fruite tutte in un’unica soluzione o al massimo in due soluzioni. Non sono quindi fruibili in piú di 2 distinti periodi.

Il rinnovo dei permessi ha precedenza su tutte le altre richieste.

News
tutte le news
Temi
tutti temi
  SCIOGLIMENTO DELLA RISERVA:
Gli insegnanti inseriti con riserva nelle graduatorie provinciali o di Istituto che intendono ottenere l’inclusione a pieno titolo nelle graduatorie compilate per l’anno scolastico 2021/22 sono tenuti a produrre la documentazione mancante entro il 6 agosto 2021. Il termine fissato è tassativo.
Per lo scioglimento di riserva si raccomanda l’utilizzo dei moduli di domanda specifici per ogni graduatoria disponibili nell’area “modulistica” del sito dell’Intendenza ai seguenti links:
♣  graduatorie di istituto: link

♣ graduatorie provinciali: link

I moduli vanno compilati:

• con i propri dati anagrafici

• indicando l’opzione scioglimento della riserva

• la/ le classi di concorso per la/ le quali si chiede lo scioglimento

• i campi relativi ai titoli oggetto di scioglimento della riserva

I moduli vanno firmati nell’ultima pagina e inviati all’indirizzo e-mail istituzionale: con copia della carta d’identità allegata o all’indirizzo PEC

 

Con i Decreti del Direttore provinciale scuole in lingua italiana n.9346/21 e n.9344/21, sono state pubblicate in data odierna giovedí 20 maggio le graduatorie provvisorie relative all’anno scolastico 2021/22 (files consultabili nell’area download).

Ricorso: avverso le graduatorie provvisorie è ammesso ricorso da parte degli interessati entro 10 giorni dalla data di pubblicazione delle stesse. I moduli per il reclamo – PDF compilabili- sono scaricabili nell’area download.

News
tutte le news
Temi
tutti temi

FAQs SITO MIUR IN COSTANTE AGGIORNAMENTO

 

      REGOLAMENTO PER LA DIDATTICA DIGITALE INTEGRATA

Basi normative (documenti nell’area download):

  • decreto-legge 8 aprile 2020, n. 22, convertito, con modificazioni, con Legge 6 giugno 2020, n. 41, all’articolo 2, comma 3:  stabilisce che il personale docente assicura le prestazioni didattiche nelle modalità a distanza, utilizzando strumenti informatici o tecnologici a disposizione, ed integra pertanto l’obbligo, prima vigente solo per i dirigenti scolastici ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 marzo 2020, articolo 1, comma 1, lettera g), di “attivare” la didattica a distanza, obbligo concernente, nel caso del dirigente, per lo più adempimenti relativi alla organizzazione dei tempi di erogazione, degli strumenti tecnologici, degli aiuti per sopperire alle difficoltà delle famiglie e dei docenti privi di sufficiente connettività. Con riferimento, nello specifico, alle modalità e ai criteri sulla base dei quali erogare le prestazioni lavorative e gli adempimenti da parte del personale docente, fino al perdurare dello stato di emergenza, si rimanda alle disposizioni del comma 3-ter del medesimo DL 22/2020.

 

  • decreto n.89 del 07.08.20 “Adozione delle Linee guida sulla Didattica digitale integrata, di cui al Decreto del Ministro dell’Istruzione 26 giugno 2020, n. 39”: emana le Linee guida nazionali per la Didattica digitale integrata che, secondo le indicazioni previste dal citato Documento per la pianificazione delle attività scolastiche, educative e formative in tutte le Istituzioni del Sistema nazionale di Istruzione per l’anno scolastico 2020/2021, costituiscono la cornice di riferimento per la redazione dei Piani scolastici per la didattica digitale integrata da parte delle istituzioni scolastiche.  Le Linee guida sono state trasmesse a tutti gli Uffici Scolastici Regionali e a tutte le Istituzioni del Sistema nazionale di istruzione. Il decreto n.89, riprendendo il decreto n.39, dispone che tutte le scuole, a prescindere dal grado di istruzione, dovranno dotarsi del suddetto Piano. (pgg.1-2, Allegato A del decreto n.89)

 

  • Allegato A del predetto decreto: delinea nel dettaglio le Linee guida per la Didattica digitale integrata per l’anno scolastico 2020/2021. Forniscono indicazioni per la progettazione del Piano scolastico per la didattica digitale integrata (DDI) da adottare, nelle scuole secondarie di II grado, in modalità complementare alla didattica in presenza, nonché da parte di tutte le istituzioni scolastiche di qualsiasi grado, qualora emergessero necessità di contenimento del contagio, nonché qualora si rendesse necessario sospendere nuovamente le attività didattiche in presenza a causa delle condizioni epidemiologiche contingenti. […]         Nel richiamare integralmente, nel merito, quanto già espresso all’interno del Documento per la pianificazione di cui al DM39/2020, si evidenzia che tutte le scuole, a prescindere dal grado di istruzione, dovranno dotarsi del suddetto Piano. […]           L’elaborazione del Piano, allegato o integrato nel Piano Triennale dell’Offerta Formativa, riveste dunque carattere prioritario poiché esso individua i criteri e le modalità per riprogettare l’attività didattica in DDI, a livello di istituzione scolastica, tenendo in considerazione le esigenze di tutti gli alunni e gli studenti, in particolar modo degli alunni più fragili.

Sulla base delle disposizioni sopra indicate l’intendenza Scolastica Italiana ha prodotto tre documenti (presenti nell’area download)

  • Direttiva della Direzione provinciale scuole in lingua italiana “Attività didattica in fase Covid-19: Disposizioni per l’anno scolastico 2020/2021” (vedi anche sunto in questa pagina nella sezione con l’icona)
  • Regolamento per Didattica Digitale Integrata:

♠  2020-09-01_DDI_primo ciclo_modello_delibera_Cons-Ist

♠  2020-09-01_DDI_sec_II_grado_modello_delibera_Cons-Ist

L’Intendenza ha inviato ai Dirigenti Scolastici un modello di Regolamento dedicato alla DDI con lo scopo di consentire la formulazione omogenea di regolamenti nelle varie scuole con insegnamento in lingua italiana. Il modello è suscettibile di integrazioni che consentano di adattare il regolamento alle esigenze specifiche delle scuole, ma contiene indicazioni trasversali, ossia che accomunano tutti gli istituti. Sulla base delle criticità riportate ai nostri uffici nell’ultima settimana, abbiamo proposto all’intendenza degli emendamenti del testo (in grassetto), che sono stati accolti. Si cita di seguito la comunicazione in data 12.10.20 dell’intendenza alle scuole:

“In considerazione delle osservazioni pervenute a questa Direzione, riguardanti le bozze di regolamento sulla Didattica Digitale Integrata, ferma restando l’autonomia decisionale degli Organi collegiali delle scuole, riteniamo opportuno accogliere alcune criticità e proporre le sottostanti modifiche, che contribuiranno a fugare alcuni dubbi interpretativi e meglio contestualizzeranno il provvedimento nel quadro delle necessità connesse all’emergenza COVID-19.

Le scuole che già hanno discusso, ovvero già deliberato il loro Regolamento potranno tenere conto degli aggiustamenti proposti inserendoli (eventualmente) ad integrazione di quanto deciso in precedenza. Nella giornata di venerdì (9/10) abbiamo sentito le coordinatrici delle due Reti sviluppando più approfonditamente le motivazioni.

Art. 1, comma 3

Il presente Regolamento ha validità a partire dall’anno scolastico 2020/2021 fino al permanere delle esigenze correlate all’emergenza COVID-19. Il regolamento può essere modificato dal Collegio dei docenti e dal Consiglio di Istituto anche su proposta delle singole componenti scolastiche e degli Organi collegiali, previa informazione e condivisione da parte della comunità scolastica.

Art. 2, comma 4

La DDI è uno strumento utile anche per far fronte a particolari esigenze di apprendimento delle studentesse e degli studenti, come quelle dettate da assenze prolungate per ospedalizzazione, terapie mediche, esigenze familiari, pratica sportiva ad alto livello.

Art. 12

I docenti sottoposti a misure di quarantena o isolamento domiciliare che non si trovano in stato di malattia certificata dal Medico di Medicina Generale o dai medici del Sistema Sanitario Nazionale garantiscono la prestazione lavorativa attivando per le classi a cui sono assegnati le attività didattiche a distanza in modalità sincrona e asincrona, sulla base di un calendario settimanale appositamente predisposto dal Dirigente scolastico, coerente con il carico orario giornaliero previsto per le lezioni in presenza e con il contratto di lavoro vigente.

  A seguito di domande pervenute ai nostri uffici, ricordiamo a tutti i docenti che il Regolamento diviene effettivo a seguito di ratifica da parte del Collegio dei Docenti e del Consiglio di Istituto, come indicato espressamente anche nella versione integrale del Regolamento, art.1 comma 2: Il Regolamento è redatto tenendo conto delle norme e dei documenti elencati in premessa ed è approvato, su impulso del Dirigente scolastico, dal Collegio dei docenti, l’organo collegiale responsabile dell’organizzazione delle attività didattico-educative della Scuola, e dal Consiglio d’Istituto, l’organo di indirizzo politico-amministrativo e di controllo della scuola che rappresenta tutti i componenti della comunità scolastica.

Lo stesso principio è sancito dalla Legge Provinciale 20/95, Art. 4 (Collegio dei docenti) comma 3:  Il collegio dei docenti nel rispetto della libertà di insegnamento ha potere deliberante in materia di funzionamento didattico.

  Per consentire ai Collegi dei Docenti di apportare modifiche al Regolamento eventualmente già elaborato, in considerazione delle modifiche inviate dall’Intendenza ai dirigenti scolastici in data 12.10.20, l’Intendenza stessa ha esplicitato quanto segue: Le scuole che già hanno discusso, ovvero già deliberato il loro Regolamento potranno tenere conto degli aggiustamenti proposti inserendoli (eventualmente) ad integrazione di quanto deciso in precedenza.

 

  VIDEO-LEZIONI, REGISTRAZIONI e PRIVACY:

Si segnalano su tali tematiche gli opuscoli (scaricabili gratuitamente) elaborati dal Garante per la Privacy:

– La scuola a prova di privacy (2016)

– La privacy a scuola: dai tablet alla pagella elettronica. Le regole da ricordare (2012)

La privacy tra i banchi di scuola (2010)

Nell’area download (cartella DDI e PRIVACY):

– Garante per la Privacy: Didattica Digitale Integrata e tutela della privacy: indicazioni generali

– Garante per la Privacy: Provvedimento del 26 marzo 2020 – Didattica a distanza: prime indicazioni

– FAQs dell’UFFICIO LEGALE CISL

Nota su: DIDATTICA DIGITALE INTEGRATA E INTEGRAZIONE nella vigente normativa emergenziale

Al seguente link, costantemente aggiornato,

http://www.provincia.bz.it/formazione-lingue/didattica-formazione-docenti/didattica-distanza.asp

si trovano vari strumenti utili per l’e-learning, progetti, materiale didattico e link alle pagine delle RISORSE ONLINE PER OGNI AMBITO.

Normativa di riferimento :

  • decreto n.89 del 07.08.20 Adozione delle Linee guida sulla Didattica digitale integrata, di cui al Decreto del Ministro dell’Istruzione 26 giugno 2020, n. 39 (nell’area download)
  • Ordinanza Ministeriale n.134 del 09.10.20 (nell’area download)
  • DPCM 03.11.20
  • Nota Ministero n. 1990 del 05.05.20 – indicazioni relative al DPCM 03.11.20 (nell’area download)
  • Ordinanza n. 68 del 08.11.20 del Presidente della Provincia di Bolzano
  • Ordinanza n. 69 del 12.11.20 del Presidente della Provincia di Bolzano
  • Circolare delle Direzioni Istruzione e Formazione Disposizioni eccezionali per la didattica a distanza (nell’area download) del 06.11.20

  SOSTEGNO:

♠  decreto n.89 del 07.08.20 Adozione delle Linee guida sulla Didattica digitale integrata, di cui al Decreto del Ministro dell’Istruzione 26 giugno 2020, n. 39:

I docenti di sostegno sempre in presenza a scuola assieme agli alunni, curano l’interazione tra tutti i compagni in presenza e quelli eventualmente impegnati nella DDI, nonché con gli altri docenti curricolari, mettendo a punto materiale individualizzato o personalizzato da far fruire all’alunno medesimo in incontri quotidiani con il piccolo gruppo e concorrono, in stretta correlazione con i colleghi, allo sviluppo delle unità di apprendimento per la classe.

È necessario che la scuola fornisca alle famiglie una puntuale informazione sui contenuti del Piano scolastico per la didattica digitale integrata, sui criteri che saranno utilizzati dai docenti per operare la scelta degli studenti cui proporre la DDI, nel rispetto della disciplina in materia di protezione dei dati personali raccogliendo solo dati personali strettamente pertinenti e collegati alla finalità che si intenderà perseguire, assicurando la piena trasparenza dei criteri individuati, sulle caratteristiche che regoleranno tale metodologia e gli strumenti che potranno essere necessari.

♠  DPCM 03.11.20, Art.1 s) : Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, secondo quanto previsto dal decreto del Ministro dell’istruzione n. 89 del 7 agosto 2020, e dall’ordinanza del Ministro dell’istruzione n. 134 del 9 ottobre 2020, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata.

♠  Ordinanza n. 68 del 08.11.20 del Presidente della Provincia di Bolzano

Punto 16 “Istruzione e Formazione”: In tutti i Comuni, fermo restando lo svolgimento in presenza dei servizi educativi per l’infanzia, della scuola primaria, dei servizi educativi per l’infanzia e del primo anno di frequenza della scuola secondaria di primo grado, le attività scolastiche e didattiche si svolgono esclusivamente con modalità a distanza, salvo in casi eccezionali espressamente autorizzati* (qui di seguito elencati). Nelle scuole di musica le lezioni si svolgono esclusivamente in forma individuale. Nelle istituzioni scolastiche in cui la didattica si svolge in presenza, a partire dai sei anni vige l’obbligo generalizzato di indossare le protezioni delle vie respiratorie, a prescindere dalla distanza interpersonale;

*casi eccezionali espressamente autorizzati: la Circolare delle Direzioni Istruzione e Formazione Disposizioni eccezionali per la didattica a distanza (nell’area download) emessa in data 06.11.20, entra nel merito dell’integrazione nel contesto della didattica a distanza:

[…] c’è la possibilità di individuare situazioni particolari per casi specifici anche nelle classi o gradi scolastici, comprese le scuole serali, in cui l’istruzione avviene con modalità di didattica a distanza al 100% (DDI). Fatto salvo quanto stabilito per la didattica a distanza, la didattica in presenza sarà possibile per i seguenti allievi:

  • allievi con Bisogni Educativi Speciali (secondo la legge 104/92)
  • allievi tutelati dalla legge 170/2010
  • allievi provenienti da situazioni di disagio sociale accompagnati dai servizi sociali e/o allievi supportati nell’ambito di progetti socio-educativi (successo formativo e dispersione scolastica)
  • Corsi di specializzazione pratici offerti dalle Direzioni di scuole superioriche si svolgono in laboratori dedicati che non possono essere effettuati a distanza (es. corso di specializzazione per l’artigianato artistico).

Oltre alle situazioni di cui sopra, la didattica in presenza può essere avviata anche per attività laboratoriali,attività pratiche previste dall’offerta formativa e nel curricolo dello studente (ad es. attività in laboratori, workshop, simulazione d’impresa, lezioni di canto, lezioni individuali di strumento, ecc.).

Pur garantendo alle categorie di allievi sopra indicati la didattica in presenza al 100%, si raccomanda di mantenere vive le relazioni con i loro compagni di classe attraverso videoconferenze e/o piattaforme appropriate, in uno spirito di partecipazione e di inclusione.

La direttiva si basa sulle ordinanze provinciali n.63 3 n.65, a loro volta innestate nel DPCM del 03.11.30, il quale dispone che  [le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, in modo che il 100 per cento delle attività sia svolta tramite il ricorso alla didattica digitale integrata.] Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, secondo quanto previsto dal decreto del Ministro dell’istruzione n. 89 del 7 agosto 2020, e dall’ordinanza del Ministro dell’istruzione n. 134 del 9 ottobre 2020 [i.e. tutela del diritto allo studio degli alunni e degli studenti con patologie gravi o immunodepressi], garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata.

♠   Ordinanza n. 69 del 12.11.20 del Presidente della Provincia di Bolzano

Possono inoltre essere previste attività scolastiche e didattiche in presenza anche per bambini e ragazzi di tutte le scuole di ogni ordine e grado e i servizi per la prima infanzia, rientranti nei criteri previsti dalla legge 104/92, o la cui famiglia si trovi in una situazione sociale critica, che necessiti di accompagnamento dei servizi sociali.

  BES e legge 170:

♠  decreto n.89 del 07.08.20 Adozione delle Linee guida sulla Didattica digitale integrata, di cui al Decreto del Ministro dell’Istruzione 26 giugno 2020, n. 39

Particolare attenzione va dedicata alla presenza di alunni in possesso di diagnosi rilasciata ai sensidella Legge 170/2010 e di alunni non certificati, ma riconosciuti con Bisogni educativi speciali dal team docenti e dal consiglio di classe, per i quali si fa riferimento ai rispettivi Piani Didattici Personalizzati. Per questi alunni è quanto mai necessario che il team docenti o il consiglio di classe concordino il carico di lavoro giornaliero da assegnare e garantiscano la possibilità di registrare e riascoltare le lezioni, essendo note le difficoltà nella gestione dei materiali didattici ordinari. […] L’eventuale coinvolgimento degli alunni in attività di DDI complementare dovrà essere attentamente valutato, assieme alle famiglie, verificando che l’utilizzo egli strumenti tecnologici costituisca per essi un reale e concreto beneficio in termini di efficaciadella didattica. Le decisioni assunte dovranno essere riportate nel PDP.

♠  DPCM 03.11.20, Art.1 s) : Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, secondo quanto previsto dal decreto del Ministro dell’istruzione n. 89 del 7 agosto 2020, e dall’ordinanza del Ministro dell’istruzione n. 134 del 9 ottobre 2020, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata.

♠   Circolare delle Direzioni Istruzione e Formazione Disposizioni eccezionali per la didattica a distanza (nell’area download) del 06.11.20

Vedasi sopra: SOSTEGNO

  ALUNNI OSPEDALIZZATI / IN CURA DOMICILIARE / IN CARCERE:

♠  decreto n.89 del 07.08.20 Adozione delle Linee guida sulla Didattica digitale integrata, di cui al Decreto del Ministro dell’Istruzione 26 giugno 2020, n. 39

Per gli alunni ricoverati presso le strutture ospedaliere o in cura presso la propria abitazione e frequentanti le scuole carcerarie l’attivazione della didattica digitale integrata, oltre a garantire il diritto all’istruzione, concorre a mitigare lo stato di isolamento sociale e diventa, pertanto, uno degli strumenti più efficaci per rinforzare la relazione. Il Dirigente scolastico attiva ogni necessaria interlocuzione con i diversi attori competenti per individuare gli interventi necessari ad attivare proficuamente la didattica digitale integrata.

  ALUNNI FRAGILI:

♠  decreto n.89 del 07.08.20 Adozione delle Linee guida sulla Didattica digitale integrata, di cui al Decreto del Ministro dell’Istruzione 26 giugno 2020, n. 39

Va posta attenzione agli alunni più fragili. Nel caso in cui si propenda per attività di DDI come metodologia complementare alla didattica in presenza, si avrà cura di orientare la proposta verso gli studenti che presentino fragilità nelle condizioni di salute, opportunamente attestate e riconosciute, consentendo a questi per primi di poter fruire della proposta didattica dal proprio domicilio, in accordo con le famiglie, anche attivando percorsi di istruzione domiciliare appositamente progettati e condivisi con le competenti strutture locali, ai fini dell’eventuale integrazione degli stessi con attività educativa domiciliare. Nei casi in cui la fragilità investa condizioni emotive o socio culturali, ancor più nei casi di alunni con disabilità, si suggerisce che sia privilegiata la frequenza scolastica in presenza, prevedendo l’inserimento in turnazioni che contemplino alternanza tra presenza e distanza solo d’intesa con le famiglie. […]

Per le situazioni di fragilità, a qualsiasi tipologia esse siano riconducibili, è opportuno che le istituzioni scolastiche operino periodici monitoraggi al fine di poter attivare, in caso di necessità, tutte le azioni necessarie volte a garantire l’effettiva fruizione delle attività didattiche, in particolar modo per gli studenti con cittadinanza non italiana neo arrivati in Italia, anche con il supporto delle agenzie del territorio, per non trasformare le differenze linguistiche, socio-economico-culturali in elementi di aggravio del divario di opportunità tra studenti. L’individuazione degli alunni cui proporre percorsi alternativi in DDI dovrà avvenire adottando specifiche garanzie a tutela dei dati dei minori, considerata la delicatezza delle informazioni trattate.

♠  Ordinanza Ministeriale n.134 del 09.10.20: a tutela del diritto allo studio degli alunni e degli studenti con patologie gravi o immunodepressi

Art.2 comma 2.: Gli alunni e degli studenti con patologie gravi o immunodepressi, qualora nella certificazione prodotta sia comprovata l’impossibilità di fruizione di lezioni in presenza presso l’istituzione scolastica, possono beneficiare di forme di DDI ovvero di ulteriori modalità di percorsi di istruzione integrativi predisposti, avvalendosi del contingente di personale docente disponibile.

Art.3 a) […] le istituzioni scolastiche prevedono nel Piano scolastico per la didattica digitale integrata il diritto per gli studenti con patologie gravi o immunodepressi a beneficiare della stessa in modalità integrata, ovvero esclusiva, con i docenti già assegnati alla classe di appartenenza, secondo le specifiche esigenze dello studente tenuto conto della particolare condizione certificata dell’alunno.

Art.3 b) [le istituzioni scolastiche] consentono agli alunni e studenti con patologie gravi o immunodepressi, ove possibile e consentito dalle norme vigenti, nonché attivando ogni procedura di competenza degli Organi collegiali, di poter beneficiare di percorsi di istruzione domiciliare,ovvero di fruire delle modalità di DDI previste per gli alunni beneficiari del servizio di “scuola in ospedale”, nel rispetto delle linee di indirizzo nazionali di cui al decreto del Ministro dell’istruzione 6 giugno 2019, n. 461, in ogni caso nei limiti del contingente dei docenti già assegnati alla istituzione scolastica di appartenenza.

Art. 3 c) [le istituzioni scolastiche] valutano, nel caso in cui la condizione di disabilità certificata dello studente con patologie gravi o immunodepresso sia associata aunacondizione documentata che comporti implicazioni emotive o socio culturali tali da doversi privilegiare la presenza a scuola, sentiti il PLS/MMG e il DdP e d’intesa con le famiglie, di adottare ogni opportuna forma organizzativa per garantire, anche periodicamente, lo svolgimento di attività didattiche in presenza. È comunque garantita l’attività didattica in presenza agli studenti con disabilità certificata che non presentino la predetta condizione di grave patologia o immunodepressione documentata

Art.3 f) [le istituzioni scolastiche] garantiscono, sulla base delle specifiche comprovate esigenze dello studente,una modulazione adeguata, in modalità sincrona e asincrona, dell’offerta formativa di DDI

 

 

31.08.20 DIRETTIVA DELL’INTENDENTE: ATTIVITÀ DIDATTICA IN FASE COVID-19 – Disposizioni per l’anno scolastico 2020/2021

La direttiva, come prevista da LP del 19 agosto 2020, n.9, vuole fornire indicazioni valide per l’avvio dell’anno scolastico, con criteri standard da poter applicare nei singoli contesti e secondo le peculiarità di ogni realtà. È possibile  prendere visione integrale della direttiva nell’area download.

n.b. La seguente direttiva potrebbe non essere più adeguata in caso intervenga una successiva normazione ovvero anche per il mutato quadro epidemiologico da Covid-19; mutamento dal quale potrebbero discendere vincoli più stringenti in termini di sicurezza ovvero un alleggerimento degli stessi.

PRINCIPI GUIDA
Nell’anno scolastico 2020/2021 l’insegnamento nelle scuole a carattere statale è impartito sia in presenza che sotto diverse forme di apprendimento, tra cui l’apprendimento auto-organizzato, fermo restando che il vigente monte ore annuale minimo dell’orario di insegnamento obbligatorio resta invariato.

Il direttore o la direttrice della Direzione provinciale scuole in lingua italiana competente definisce:
a) in quali diverse forme di apprendimento viene impartito l’insegnamento;
b) per i rispettivi gradi di scuola l’ammontare, nonché la distribuzione della forma di insegnamento in presenza tra mattino e pomeriggio;
c) le indicazioni necessarie alle scuole, al fine di contenere il rischio di contagio da Covid-19.

Didattica in presenza, a distanza e Piano Digitale Integrato
Risulta prioritario salvaguardare quanto più possibile la didattica in presenza, seppur con possibili rimodulazioni orarie. Nella prospettiva della riapertura delle attività didattiche in presenza, la modalità a distanza può rappresentare un momento integrativo e non sostitutivo, diversamente applicato e commisurato alle fasce di età degli allievi. Non deve inoltre replicare a distanza quanto attivato in presenza, in quanto sono necessari tempi e strumenti diversi, che coinvolgano gli allievi in modo interattivo.
Pertanto, ogni istituzione è chiamata a rinforzare il PTOF con il Piano scolastico per la Didattica digitale integrata, che tiene conto delle potenzialità digitali della comunità scolastica. Ogni scuola individua le modalità per riprogettare le proprie attività, con particolare riguardo alle esigenze specifiche degli allievi con disabilità, con Disturbi Specifici dell’Apprendimento e con altri Bisogni Educativi Speciali.
Si devono necessariamente e preliminarmente individuare le procedure e le strategie operative per garantire a tutti le stesse possibilità, in termini di accesso agli strumenti indispensabili per una piena partecipazione.
Apposite linee guida per la didattica digitale integrata saranno diramate a tutte le istituzioni scolastiche del sistema educativo provinciale, quale indirizzo a cui attenersi nella programmazione educativa dei distinti ordini e gradi di istruzione. Esse costituiranno il quadro di riferimento per l’adeguamento dei PTOF delle singole istituzioni scolastiche.
Le scuole definiranno, inoltre, un regolamento per la Didattica digitale integrata, a integrazione completamento del preesistente regolamento di Istituto.

 

  03.09 a.s. 2020-21 VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI DEL I e II CICLO Valutazione degli alunni e degli studenti del I e II ciclo

I CICLO: con la Delibera della Giunta Provinciale n. 621/20 è stata modificata la Delibera della Giunta Provinciale n. 1168/2017 relativa alla valutazione degli alunni/e del primo ciclo. Si fa presente quanto segue:
• è stato introdotto l’insegnamento trasversale dell’Educazione Civica con Legge 92/19;
• è stata modificata la modalità di valutazione nella scuola primaria, che sarà espressa attraverso un giudizio descrittivo e non più in cifre con Decreto Legislativo 22/20.

II CICLO: la deliberazione da poco approvata modifica la precedente delibera n. 1020 del 4/7/2011, relativa alla valutazione nel secondo ciclo, già variata con DGP n.164/2012 e DGP n.219/2019. Si tratta di una modifica necessaria a seguito dell’introduzione, a livello statale (Legge n.92 del 20/8/2019) dell’insegnamento trasversale dell’Educazione civica.
Le variazioni introdotte dalla delibera (comma 1 dell’art. 4 dell’allegato alla DGP n.1020/2011; comma 3 dell’art. 6 dell’allegato; art. 8 dell’allegato) riguardano principalmente l’ampliamento della precedente formulazione del concetto di “competenze trasversali” in “competenze dell’area di apprendimento trasversale”. Ciò per comprendere in tale area l’insegnamento trasversale dell’Educazione civica.

Le circolari relative ad entrambi i cicli sono presenti nell’area download

  DAD/DDI  e infortunio (circolare INAIL nell’area download):

Normativa: Circolare 3159/2021 Copertura assicurativa per studenti e insegnanti per infortuni accaduti durante la didattica a distanza (DAD) o la didattica digitale integrata (DDI) per la parte non in presenza e obbligo generalizzato per gli insegnanti

La normativa emergenziale emanata per il contenimento dell’epidemia per infezione da SARS-CoV-2 ha introdotto lo svolgimento delle prestazioni didattiche a distanza come modalità necessaria per contenere i contagi. Successivamente, al fine di garantire la continuità del diritto all’istruzione, è stata introdotta la didattica digitale integrata, in forma complementare, che prevede l’erogazione a distanza di parte della didattica, o in forma esclusiva, nei casi di sospensione dell’attività in presenza.

La didattica a distanza è erogata attraverso il collegamento internet e tramite apposite piattaforme e comporta quindi l’utilizzazione diretta da parte dello studente e dell’insegnante di dispositivi elettronici e elettrici, che costituiscono di per sé fonti di esposizione a rischio, esattamente come avviene per le attività di alfabetizzazione informatica e di apprendimento di lingue straniere attuate con l’ausilio di macchine elettriche, già coperte dall’assicurazione Inail

La copertura assicurativa non può che comprendere anche eventuali lezioni di scienze motorie e sportive erogate in DAD (si pensi alle zone rosse per la pandemia in corso).

Studenti: la copertura assicurativa in caso di didattica a distanza è uguale a quella prevista per gli studenti nello svolgimento di esperienze tecnico-scientifiche o esercitazioni pratiche e di lavoro effettuate “in presenza” nelle aule scolastiche o in altro luogo specificatamente individuato, sia nell’ambito dell’attività scolastica tradizionale che nell’ambito dei percorsi di alternanza scuola-lavoro, ora ridenominati percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento.

Docenti:  già prima dell’introduzione della DAD, la copertura assicurativa è stata prevista se:

a) per lo svolgimento della loro attività fanno uso di apparecchi/macchine elettriche (videoterminali, computer, tablet, fotocopiatrici, videoregistratori, proiettori, ecc.), ovvero se frequentano un ambiente organizzato ove sono presenti le suddette macchine […]

b) sono direttamente adibiti ad esperienze tecnico-scientifiche, ad esercitazioni pratiche e ad esercitazioni di lavoro

A seguito della normativa diretta alla dematerializzazione delle procedure amministrative in materia di istruzione […] sono stati introdotti nelle scuole le pagelle elettroniche e il registro elettronico di classe, che richiedono evidentemente l’utilizzazione abituale da parte degli insegnanti di dispositivi elettronici/informatici. Allo stato si deve, dunque, ritenere che per tutti gli insegnanti sia operante in via generalizzata l’obbligo assicurativo […] e che gli stessi siano quindi sempre tutelati in caso di infortunio sul lavoro, sia per l’attività lavorativa in presenza che per la didattica a distanza.

n.b. Sull’argomento l’Inail sta per emanare una specifica circolare in quanto, anche a seguito della diffusione capillare della DAD, la dematerializzazione è ormai una realtà operativa in tutte le scuole di ogni ordine e grado, sia pubbliche che private. Attualmente in fase di trattazione delle denunce di infortunio pervenute, le sedi dell’Inail continuano ad inviare specifici questionari per verificare se l’insegnante è persona tutelata dall’Inail in quanto utilizza abitualmente e sistematicamente dispositivi elettronici oppure insegna materie che comportano esperienze tecnico-scientifiche, esercitazioni pratiche e di lavoro, attività di educazione fisica o di scienze motorie e sportive o infine attività di alfabetizzazione informatica e di apprendimento di lingue straniere con l’ausilio di laboratori.

News
tutte le news
Temi
tutti temi

La Giunta Provinciale ha indetto le elezioni del Consiglio scolastico provinciale per il quadriennio 2021/22 – 2024/25, che si svolgeranno:

  giovedì 29 aprile 2021, ore 8-12 e 14-18

 

Sezione italiana: l’elettore può esprimere fino a due voti di preferenza

Sezione tedesca: l’elettore può esprimere fino a tre voti di preferenza

  Le Scuole pubbliche di ogni ordine e grado sono competenti per lo svolgimento delle elezioni in ambito scolastico, vale a dire:

– l’istituzione dei seggi elettorali

– la formazione degli elenchi degli elettori per il personale docente (in cui sono riportati tutti gli aventi diritto al voto, nell’ambito dell’Istituto scolastico) e l’esposizione della lista dei candidati (18 per il personale docente)

– lo svolgimento delle operazioni di voto e delle operazioni successive:
♠ spoglio delle schede
♠ compilazione del verbale elettorale in duplice copia
♠ consegna del materiale e dei verbali elettorali alla direzione scolastica
♠ immediato invio, da parte del dirigente, di un esemplare del verbale elettorale alla Commissione elettorale provinciale

  Categoria elettorale del personale docente: docenti delle scuole di ogni ordine e grado in lingua italiana (inclusi i docenti di seconda lingua)

elettorato attivo (coloro che votano): docenti (compresi i docenti di seconda lingua) in servizio presso le scuole pubbliche della provincia con contratto di lavoro a tempo indeterminato o determinato alla data delle elezioni. Il personale docente che non presta effettivo servizio di istituto, in quanto esonerato dagli obblighi d’ufficio o comandato o collocato fuori ruolo, esercita l’elettorato attivo nella scuola ove è di ruolo.

elettorato passivo (coloro che possono candidarsi ed essere votati): docenti (compresi i docenti di seconda lingua) con contratto di lavoro a tempo indeterminato o con supplenza annuale (con contratto di lavoro dal 1° settembre al 31 agosto) in servizio presso le scuole pubbliche della provincia.

  Modalità di votazione:

♠ gli elettori votano nei seggi elettorali nei cui elenchi sono compresi
♠ gli elettori devono esibire un documento di riconoscimento nei casi in cui non sono conosciuti da alcun membro del seggio
♠  il locale del seggio elettorale deve essere arredato in modo da assicurare l’espressione personale e segreta del voto
♠  Il voto di preferenza viene espresso con l’indicazione del cognome (e se necessario del nome e della data di nascita) o del numero d’ordine che il candidato ha nella lista prescelta.

Il numero delle preferenze è fissato come segue:

♠ se il numero dei rappresentanti da eleggere non è superiore a tre, l’elettore può esprimere un solo voto di preferenza
♠ se il numero dei rappresentanti da eleggere è superiore a tre e non superiore a sei, l’elettore può esprimere fino a due voti di preferenza
♠ se il numero dei rappresentanti da eleggere è superiore a sei, l’elettore può esprimere fino a tre voti di preferenza

Se un membro del seggio è assente, è sostituito da un elettore presente.

Sulle operazioni di voto è redatto processo verbale in duplice originale, sottoscritto dai membri del seggio elettorale.

  Le operazioni di scrutinio hanno inizio immediatamente dopo la chiusura delle votazioni e non possono essere interrotte fino al loro completamento.
Dal verbale del seggio elettorale devono risultare i seguenti dati:

♠ il numero complessivo degli elettori distinti per ogni componente
♠ il numero complessivo dei votanti distinti per ogni componente
♠ il numero complessivo delle schede bianche, nulle e valide distinti per ogni categoria
♠ il numero dei voti di preferenza riportati da ciascun candidato

Tutto il materiale elettorale e i verbali vengono depositati presso la direzione della scuola. Il capo d’istituto provvede immediatamente al recapito di un esemplare del verbale elettorale alla Commissione elettorale provinciale. Il materiale elettorale e il secondo originale del verbale elettorale sono conservati presso la scuola. Scaduto il termine per eventuali ricorsi contro i risultati delle elezioni, il materiale elettorale può essere scartato. Il verbale elettorale è conservato per tutta la durata in carica del Consiglio Scolastico Provinciale.

  Indicazioni per lo scrutinio:

♠  La scheda elettorale è valida qualora la volontà effettiva dell’elettore sia desumibile
♠  Qualora l’elettore esprima voti di preferenza senza contrassegnare la rispettiva lista il voto è valido per i candidati e per la lista
♠  Se l’elettore abbia espresso preferenze per candidati di lista diversa da quella prescelta, vale il voto di lista e non le preferenze

  Materiale elettorale: l’Intendenza scolastica predispone i moduli per le schede elettorali e i verbali elettorali dei singoli seggi. I dirigenti scolastici provvedono alla riproduzione delle schede elettorali e mettono a disposizione dei seggi tutto il materiale necessario.

 

Area download:

– Legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24: Consiglio scolastico provinciale e disposizioni in materia di assunzione del personale insegnante

News
tutte le news
Temi
tutti temi

Sono stati pubblicati gli esiti della mobilità annuale: assegnazioni provvisorie e utilizzazioni.

I files sono visualizzabili nell’area download.

News
tutte le news
Temi
tutti temi